Il rinnovo di Ibrahimovic regala un altro attaccante al Milan

Zlatan Ibrahimovic
Ibrahimovic (Getty Images)

Il Festival di Sanremo è alle spalle, il tempo del ritorno in campo non è ancora arrivato, quello di decidere il futuro sì: le ultime su Ibrahimovic e il rinnovo

“Dipende da Paolo”: è l’invito quasi sussurrato da Zlatan Ibrahimovic al Milan. La questione è il rinnovo di contratto in scadenza a giugno. Dubbi non ce ne sono: le parti hanno deciso di continuare insieme, anche se con presupposti diversi da quelli di quest’anno. Il campo ha dimostrato che lo svedese non può giocare tutte le partite, non può essere il fulcro principale e totalizzante dell’attacco rossonero: 25-30 gare in una stagione sono il giusto limite per chi sulla soglia dei 40 anni può ancora fare la differenza. Ibra deve essere gestito e deve gestirsi per la prossima stagione, se sarà ancora in rossonero.

Il rinnovo non sembra essere in dubbio, i segnali che arrivano vanno tutti dalla parte dell’accordo, anche se una trattativa vera e propria non è ancora iniziata. Prima delle cifre, occorre il progetto tecnico da costruire intorno a Ibra. E sarà diverso da quello di quest’anno: lo stesso attaccante – riporta la ‘Gazzetta dello Sport’- si è convinto che dovrà essere affiancato da un bomber di livello con cui condividere le partite importanti. Un Ibrahimovic part-time che avrà però un ruolo fondamentale per lo spogliatoio.

Tutte le news sulla SERIE A e non solo: CLICCA QUI!

Ibrahimovic e Maldini parlano
Ibrahimovic e Maldini (Getty Images)

Milan, il rinnovo di Ibrahimovic: gli ultimi aggiornamenti

Lo ha avuto quest’anno, lo avrà il prossimo: Ibrahimovic come guida dei giovani rossoneri, come il fratello maggiore che scuote i ragazzi di Pioli e li sprona a dare sempre il massimo. Anche per questo il Milan non vuole rinunciare a lui, oltre che per la capacità di essere ancora decisivo sul rettangolo verde.

LEGGI ANCHE >>> Il vero insostituibile del Milan può andare in Premier League

Di soldi con Raiola si parlerà a tempo debito anche se c’è da vedere quanto lo svedese abbia voglia di venire incontro alla società che chiede un ritocco al ribasso dell’ingaggio (oggi da 7 milioni di euro). Questo si vedrà, come si vedrà quale sarà l’attaccante che sarà messo a disposizione di Pioli oltre a Ibrahimovic. Questo è un altro punto centrale per il rinnovo: Ibra non sarà più solo.