Juve-Napoli, attacco frontale della Roma: “Risposta della Lega è ridicola”

Guido Fienga
Guido Fienga (GettyImages)

Dura presa di posizione da parte della Roma nei confronti della Lega, il tutto legato al rinvio di Juve-Napoli annunciato in questi giorni.

Le polemiche attorno alla decisione di rinviare ancora Juve-Napoli, spostandola al 7 aprile, si stanno accendendo giorno dopo giorno. Una decisione, quella presa dalla Lega, stabilita anche in virtù di quello che rappresenta un accordo tra i due club che insieme hanno ritenuto opportuno di poter giocare più avanti la partita, di fatto trovando il consenso della stessa Lega.

Il tutto, ovviamente, ha provocato grande rumore e c’è chi proprio non ritiene giusta la decisione presa in merito al match che – va ricordato – si sarebbe dovuto giocare inizialmente alla 3^ giornata di campionato. Poi il dibattito legale, l’assoluzione del Napoli dove l’iniziale 3-0 a tavolino, ma una storia che stenta a divincolarsi dalle polemiche.

A prendere una posizione forte in queste ore è stata la Roma, che ha chiesto proprio alla Lega spiegazioni in merito alla decisione. Un spostamento che, secondo il club giallorosso, non sarebbe da ritenere corretto nei confronti del regolare svolgimento del calendario, soprattutto in virtù dei tanti impegni che anche i capitolini devono fronteggiare, in primis la sfida di Europa League contro lo Shakhtar Donetsk in Ucraina.

Tutte le news sulla SERIE A e non solo: CLICCA QUI!

Napoli e Juve in campo
Federico Chiesa e Giovanni Di Lorenzo (GettyImages)

Juve-Napoli, bordata della Roma contro la Lega

Oggi proprio il club giallorosso ha presenziato, nella persona dell’amministratore delegato Guido Fienga, a margine dell’udienza al Coni per il ricorso dopo lo 0-3 a tavolino contro il Verona.

Cosi proprio il dirigente della Roma ha nuovamente commentato la scelta della Lega relativa proprio a Juve-Napoli, ma in particolare soffermandosi sulla risposta arrivata dopo la richiesta di chiarimento del club capitolino: ” “La lettera che ho inviato mi sembra fosse abbastanza chiara, non vorrei dire altro. Preferisco – ha detto Fienga, come riportato da Sportmediaset – non commentare la risposta che ci è stata data dalla Lega, è più ridicola della decisione stessa”.

LEGGI ANCHE >>> Juventus, quel grande ritorno destinato a sfumare

Insomma, la Roma si pone in netta contrapposizione ed assume anche dei noti molto duri contro la Lega stessa. “Ci sono comportamenti parziali e soggettivi all’interno della Lega Calcio, riscontriamo lacune evidenti nella governance. Immaginate cosa potrebbe accadere se questa regola venisse applicata da tutte le squadre da qui a fine campionato…”, l’accusa dell’ad.