Juventus, Pirlo riabbraccia il suo leader: il rientro atteso

Andrea Pirlo in campo
Andrea Pirlo (GettyImages)

Un rientro importante in casa Juventus, in vista della prossima sfida che vedrà la squadra bianconera contro il Benevento. 

In casa Juventus, come noto, la conta degli infortuni prosegue ormai da mesi. Tanti elementi che sono stati fermi ai box per diverso tempo (alcuni lo sono ancora adesso, vedi Dybala), lasciando cosi orfano Andrea Pirlo spesso di giocatori chiave per il proprio gioco, o anche leader in grado di guidare lo spogliatoio soprattutto nei momenti di difficoltà.

Quando poi ci si mette l’età, come nel caso di Gianluigi Buffon, diventa tutto ancora più complesso. Ogni acciacco, infatti, rischia di diventare un problema serio in grado di tenere fuori anche per diversi giorni, nel peggiore dei casi settimane.

Quest’anno, va detto, Buffon ha ceduto il passo all’età ma soprattutto al suo collega di reparto, Szczesny che ha ormai assunto il ruolo di titolare. Soltanto dieci, infatti, le presenze che il portiere italiano ha collezionato fino a questo momento. Va detto, però, che alla veneranda età di 43 anni la sua presenza rappresenta un arricchimento, soprattutto sotto il punto di vista psicologico.

Tutte le news sulla SERIE A e non solo: CLICCA QUI!

Gigi Buffon sorridente
Gigi Buffon (GettyImages)

Juve, il rientro di Buffon che fa sorridere Pirlo

Vero è, però, che gli impegni sono stati tanti soprattutto in questo periodo, e cosi avere a disposizione uno come Buffon può fare effettivamente la differenza. Buone notizie, in questo senso, arrivano proprio per l’allenatore Andrea Pirlo.

LEGGI ANCHE >>> I tre italiani che possono rivoluzionare la Juventus

Buffon, infatti, ha recuperato dalla lombalgia che l’ha tenuto fuori per diversi giorni. Oggi il portiere si è allenato interamente con il gruppo, e dunque sarà disponibile per la prossima sfida di campionato che vedrà la Vecchia Signora affrontare domenica alle 15 il Benevento.

Vedremo se Pirlo opterà proprio per lui a difesa della porta, dando cosi modo al suo collega polacco di rifiatare dopo diversi match giocati di fila anche con la Champions e l’eliminazione dei bianconeri per mano del Porto di Sergio Conceicao.