Caos Italia: quattro tesserati positivi al coronavirus

Gravina e Mancini con l'Italia
Gravina e Mancini - Nazionale italiana (GettyImages)

La gioia della vittoria contro la Lituania per la Nazionale dell’Italia si è appannata subito. Quattro membri dello staff tecnico, infatti, sono risultati positivi al coronavirus. 

Al termine di Lituania-Italia la FIGC ha comunicato novità sugli ultimi tamponi processati. Attraverso questi è stata ritrovata la positività al coronavirus di quattro membri dello staff tecnico della Nazionale. In realtà, come da Protocollo UEFA, era stato eseguito uno screening a tutto il gruppo lo scorso 29 marzo all’arrivo a Sofia, in Bulgaria. Il test molecolare aveva dato risultato negativo per tutti i membri della squadra e staff. Ma la mattina seguente una persona dello staff tecnico aveva avvertito alcuni sintomi. Ulteriori approfondimenti hanno evidenziato una faringodinia. A scopo cautelativo il soggetto era stato isolato e fatto rientrare a casa. Per tale motivo non era presente con la squadra in Lituania. Al suo rientro in Italia, un ulteriore tampone svolto ha dato poi esito positivo.

Tutte le news sulla SERIE A e non solo: CLICCA QUI!

Nazionale, quattro membri dell’Italia positivi al coronavirus

Mancini allarga le braccia
Mancini (Getty Images)

Il risultato aveva chiaramente allarmato e infatti la FIGC nel comunicato a riguardo dettaglia la procedura seguita: “Pertanto, successivamente, gli altri membri dello staff che avevano intrattenuto rapporti di vicinanza sono stati anche loro isolati a Vilnius (Lituania) e sottoposti immediatamente a nuovo test molecolare, il cui risultato per tre di essi è stato comunicato positivo nei minuti successivi alla conclusione della gara Lituania-Italia. Naturalmente, tutti i soggetti positivi sono stati esclusi dalla delegazione”.

LEGGI ANCHE >>> L’Italia batte anche la Lituania: finale da brividi

Al momento non sono stati resi noti i nominativi dei soggetti direttamente interessati dell’Italia. C’è timore per la diffusione del contagio, ma al momento non esiste ragione per preoccuparsi dati i risultati dei restanti tesserati.