Il Milan vince e tiene a distanza la Juve, il Parma ora rischia

Il Milan esulta
Parma-Milan (GettyImages)

In quel dello Stadio Tardini si è imposto il Milan di Stefano Pioli, battuto il Parma che adesso rischia grosso nella corsa salvezza.

Il Milan sembra ormai aver abbandonato l’idea di poter puntare allo Scudetto. La distanza dall’Inter, d’altronde, al momento è di otto punti con i nerazzurri che hanno una partita in meno (domani in campo alle 12.30 contro il Cagliari). Difficile, insomma, pensare di poter andare ad impensierire la compagine di Antonio Conte, lanciata in maniera decisa verso la vittoria del titolo.

Per il Milan, però, resta un posto Champions da difendere. Ecco perchè la vittoria conquistata al Tardini contro il Parma ha comunque un valore molto importante, soprattutto in virtù del traffico consistente che si è formato proprio a ridosso dei primi quattro posti in classifica.

Dietro il Milan spingono, con la Juventus in primis ma anche Napoli, Atalanta, Roma, Lazio, tutte con l’obiettivo di piazzarsi tra le prima quattro. Ed allora, vincere oggi ha un peso specifico considerevole, anche se di fronte ci si ritrova una compagine sulla carta ampiamente abbordabile come il Parma.

Tutte le news sulla SERIE A e non solo: CLICCA QUI!

Il Milan esulta
Parma-Milan (GettyImages)

Milan, vittoria con sofferenza nel finale

E cosi già nel primo tempo la squadra rossonera ha ben chiaro quanto fosse necessario, anche nella mente dei giocatori, il portare punti a casa per tenere botta e soprattutto rialzarsi prontamente dopo il pareggio contro la Sampdoria.

Cosi ad aprire le danze è stato Ante Rebic, con un tiro pazzesco infilatosi all’incrocio dei pali, il tutto per gentile concessione di Ibrahimovic autore di un assist al bacio. A ridosso dell’intervallo, poi, la rete di Kessie abile ad infilare all’angolino e sfruttare l’assist di Theo Hernandez.

LEGGI ANCHE >>> Milan, sta facendo di tutto per venire da te

Dunque, risultato archiviato all’intervallo? Non proprio. A ridare animo al Parma l’espulsione di Ibrahimovic, con qualche parolina di troppo rivolta verso l’arbitro Maresca; e poi l’infortunio di Donnarumma, che ha stretto i denti nonostante un problema al polso.

E cosi il gol di Gagliolo ha dato la carica a tutto l’ambiente a poco più di 20′ minuti dalla fine. Cosi è servito il miglior Donnarumma, nonostante l’infortunio, per chiudere la porta rossonera in almeno un paio di occasione anche a ridosso del fischio finale. Il gol di Leao, su assist di Dalot, a chiudere poi definitivamente i giochi sull’1-3.

LA CLASSIFICA AGGIORNATA

Inter 71
Milan 63 **
Milan 59
Atalanta 58
Napoli 56
Lazio 52*
Roma 51
Hellas Verona 41
Sassuolo 40
Sampdoria 36
Bologna 34
Udinese 33
Genoa 32
Spezia 32
Fiorentina 30
Benevento 30
Torino 24 *
Cagliari 22
Parma 20 **
Crotone 15 **

* Una gara in meno
** Una gara in più