L’ECA dice addio ad Agnelli: “Azione egoista”

Agnelli all'ECA
Andrea Agnelli (Getty Images)

L’ECA, dopo le dimissioni di Agnelli per aderire alla Superlega, riparte da Rummenigge: “Azione egoista dei membri uscenti”

L’ECA, l’European Club Association, ha dovuto affrontare l’uscita dei membri che hanno aderito alla Superlega. Ed è arrivata la nota che spiega la posizione dell’associazione priva delle 12 società che hanno dato vita alla nuova possibile competizione con Rummenigge che sostituirà Andrea Agnelli nel comitato esecutivo Uefa che si riunirà venerdì per affrontare l’emergenza.

Questa la nota: “Il comitato esecutivo dell’ECA si è riunito oggi per discutere una serie di questioni importanti a seguito delle dimissioni di dodici club membri dell’ECA, ieri sera, alla luce delle varie comunicazioni pubbliche incentrate sulla creazione della cosiddetta Super League europea.

Il Consiglio è stato unanime nella condanna delle azioni dei membri uscenti, che ritiene essere egoiste e a discapito del benessere del gioco e in chiara opposizione ai valori dell’ECA. Crediamo che il calcio europeo per club possa essere riformato dall’interno del sistema per raggiungere i migliori interessi collettivi di tutte le parti interessate nel gioco. Il Consiglio ha ribadito la chiara posizione dell’ECA come unica voce legittima e pienamente riconosciuta dei club leader in Europa e, come tale, ha preso una serie di decisioni per garantire che sia in grado di continuare a svolgere il suo ruolo in modo efficiente ed efficace”.

Tutte le news sulla SERIE A e non solo: CLICCA QUI!

Rummenigge
Karl-Heinz Rummenigge (Getty Images)

Addio Agnelli, l’ECA guarda avanti

Nella nota si precisa, inoltre:

“La decisione presa include:
-Conferma che l’attuale Executive Board rimanga quello che è attualmente in grado di dare forma a tutte le decisioni chiave e sarà ora integrato con nuove capacità dall’appartenenza alla Corte dei conti europea

-La creazione di un Comitato Esecutivo per lavorare sotto gli auspici dell’Executive Board per gestire il lavoro quotidiano durante questo periodo di transizione. I membri del consiglio di amministrazione dell’ECA in questo comitato esecutivo sono: Nasser Al-Khelaifi (Paris Saint-Germain), Michael Gerlinger (FC Bayern Munchen), Edwin van der Sar (AFC Ajax), Dariusz Mioduski (Legia Warszawa), Aki Riihilahti (HJK Helsinki) e Michele Centenaro (membro indipendente del consiglio di amministrazione di ECA)

LEGGI ANCHE >>> Cagliari, si riapre il discorso salvezza: cosa dice il calendario, c’è il doppio pericolo

“Siamo lieti che la riforma delle competizioni UEFA per club abbia raggiunto questo importante traguardo. L’accordo sui nuovi formati delle competizioni creerà un numero maggiore di partite europee di alta qualità, pertinenti ed entusiasmanti per i fan e aumenterà la partecipazione dei club a tutti i livelli – principi e obiettivi che ECA ha stabilito nella primavera del 2019 quando abbiamo intrapreso questa riforma viaggio. Andando avanti, l’attenzione dell’intero Comitato Esecutivo dell’ECA sarà quella di proseguire gli sforzi per concludere accordi con la UEFA in merito al suo rinnovato rapporto dopo il 2024, mentre cerchiamo di plasmare il calcio europeo per club per gli anni a venire”.