Il grande rivale che potrebbe prendersi la panchina della Juventus

Andrea Pirlo
Andrea Pirlo (Getty Images)

La sconfitta contro l’Atalanta ripropone gli interrogativi su Pirlo: oltre ad Allegri, due ex Inter potrebbe sedersi sulla panchina della Juventus

E’ servito il pareggio dell’Inter a Napoli per far mantenere il quarto posto alla Juventus. I bianconeri ringraziano i rivali di sempre dopo la sconfitta contro l’Atalanta. Un ko che complica il cammino di Pirlo alla qualificazione alla prossima Champions League e alimenta i dubbi sul futuro dell’allenatore. Sarà confermato al termine della stagione? La domanda rimbomba da settimane ormai e difficilmente troverà risposta prima della fine del campionato. Deciderà il campo anche se le indicazioni che arrivano dal rettangolo verde mettono in allarme Pirlo: ma chi al suo posto in caso di addio a fine stagione?

Tutte le news sulla SERIE A e non solo: CLICCA QUI!

Roberto Mancini
Roberto Mancini (Getty Images)

Juventus, Mancini e Spalletti per il dopo Pirlo

Non è certo un segreto che Massimiliano Allegri sia una possibilità. Il ritorno del tecnico toscano sarebbe avallato dal presidente Agnelli, mentre sarebbero da ricucire i rapporti con Paratici e Nedved. Furono proprio loro gli artefici dell’addio ormai due anni fa e loro la scelta, poi sconfessata, di affidarsi a Maurizio Sarri. Ma il ritorno di Allegri non è l’unica possibilità.

LEGGI ANCHE >>> Il Tottenham ha esonerato Mourinho: il nome del sostituto

La ‘Gazzetta dello Sport’ parla anche di altri due nomi individuati per la panchina bianconera. Il profilo è sempre quello di un allenatore esperto ed abituato a piazze importanti. Entrambe le alternative ad Allegri riconducono all’Inter: la prima è Roberto Mancini, attualmente legato alla Figc fino al 2022, poi Luciano Spalletti che a giugno vedrà scadere il suo contratto con la società nerazzurra. Due allenatori diversi, ma accumunati dall’esperienza sulla panchina di una big. Scegliere uno di loro per la Juventus significa giocare in sicurezza dopo i due azzardi (Sarri e Pirlo) che, con risultati diversi, non hanno portato i frutti sperati.