“Siete morti”, la clamorosa protesta dei tifosi del Liverpool

Tifosi del Liverpool allo stadio
Tifosi del Liverpool (GettyImages)

“La nascita della Superlega Europea ha generato indignazione più che approvazione da parte di club e tifosi. Quelli del Liverpool sono scesi letteralmente in strada a protestare. 

Il Liverpool non sarà mai solo, i suoi tifosi gliel’hanno promesso. Gli resteranno accanto anche nelle difficoltà, ma non condivideranno le ingiustizie. La creazione della Superlega Europea, da parte di 12 potenti club del Vecchio Continente, è mal vista dai sostenitori dei Reds, sebbene la loro società sia tra i 12 Club Fondatori del nuovo movimento. Il concetto di meritocrazia viene pesantemente intaccato da questa nuova competizione e il club rischia anche di non poter più partecipare al campionato nazionale, tra le varie coppe.

Tutte le news sulla SERIE A e non solo: CLICCA QUI!

Liverpool nella Superlega, la denuncia dei tifosi: “Vergognatevi”

 

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Un post condiviso da Sky Sports (@skysports)


Per tale ragione i tifosi del Liverpool hanno manifestato contro la decisione della società inglese e sono scesi in strada, piazzando uno striscione piuttosto eloquente all’esterno dello stadio di Anfield. È la voce dei sostenitori che gridano: “I tifosi del Liverpool contro la Superlega Europea. Vergognatevi, RIP Liverpool 1892-2021”. 

LEGGI ANCHE >>> Perché Agnelli ha tradito Serie A, UEFA e ECA

Un atto, secondo i più, che rinnegherebbe lo spirito, l’etica e la competitività che hanno reso famoso questo club nel mondo. Anche l’attuale tecnico Jurgen Klopp diversi mesi fa si espresse in merito alla possibilità della Superlega, annunciando che avrebbe dato le sue dimissioni qualora ciò fosse accaduto. Si attende anche una sua presa di posizione, mentre la lotta di UEFA e FIFA è appena cominciata. I 12 club rispondono con azioni legali, ma i due organismi non fanno passi indietro: i club saranno punti con l’esclusione dalle altre competizioni e i giocatori potrebbero perdere la possibilità di vestire la maglia della Nazionale.