Attento Napoli: una clausola blocca Italiano allo Spezia

Italiano in panchina con lo Spezia
Vincenzo Italiano, Spezia (GettyImages)

Nella lista degli allenatori ai quali il Napoli sta pensando c’è Vincenzo Italiano, ma lasciare lo Spezia sarà meno agevole del previsto per il tecnico. 

La stagione calcistica sta giungendo al termine e i club di Serie A cominciano a considerare sul serio le varie opzioni di cambiamento. Il Napoli sarà tra le squadre che probabilmente vedranno soffiare più forte il vento del cambiamento, a causa delle novità in panchina. Forse il futuro di Rino Gattuso può ancora essere leggermente legato alla qualificazione del Napoli in Champions League, ma sembra una possibilità molto minima. Il rapporto con la società non è più di comuni progetti e tra l’altro il discorso relativo al rinnovo si è definitivamente arenato. La lista degli allenatori a cui De Laurentiis è interessato è lunga e ciò fa pensare che non esiste ancora un nome veramente concreto. Tuttavia, rimbomba sempre più frequentemente quello di Vincenzo Italiano.

Tutte le news sulla SERIE A e non solo: CLICCA QUI!

Napoli su Italiano, ma una clausola lo tiene legato allo Spezia

Vincenzo Italiano in panchina
Vincenzo Italiano (GettyImages)

Il pareggio strappato dallo Spezia all’Inter, nella giornata di campionato attualmente in corso, conferma l’ottima tenuta della formazione di Italiano e della qualità del gioco che fa esprimere alla sua squadra. Si tratta di un allenatore dalle grandi prospettive e ciò porta a credere che il Napoli forse starà già immaginando un’esplosione come quella che ebbe Sarri, prelevato dall’Empoli.

LEGGI ANCHE >>> Ceferin gongola: l’ultima presa in giro a Juventus e Real Madrid

Liberare Italiano dallo Spezia, però, non sarà così semplice. Come riferisce Tuttosport, l’allenatore è impegnato nella conquista della salvezza con il suo club e sarebbe probabilmente l’unico modo per trattenerlo alla guida della squadra, oltre alla clausola in vigore. Nel suo contratto, infatti, esiste una penale in caso di rescissione unilaterale da un milione di euro. Un minimo freno per Napoli e Sassuolo, le due società che lo seguono, ma niente che non possa risolversi.