“Conte torna alla Juventus”, la condizione perché succeda davvero

Conte
Conte (Getty Images)

Nubi sul futuro di Conte all’Inter e si fa strada l’ipotesi di un ritorno alla Juventus: perché diventi realtà c’è una condizione imprescindibile

“Serve chiarezza” e ancora “i programmi sono cambiati”. Dopo il pareggio con lo Spezia Antonio Conte non ha nascosto i dubbi sul suo futuro. Anzi, le sue dichiarazioni alimentano l’incertezza su quel che accadrà in estate per l’Inter. Si attendono novità dal punto di vista societario, ma c’è l’ipotesi che possa avvenire una vera e propria rivoluzione.

Da tempo, infatti, si parla di un addio di Marotta con la concreta ipotesi di un ritorno alla Juventus. Non da solo, perché ad accompagnare l’attuale amministratore delegato nerazzurro a Torino potrebbe essere proprio Antonio Conte. Un clamoroso ritorno di cui parla sul suo sito il giornalista Paolo Bargiggia. Un ritorno che per diventare realtà ha bisogno che si concretizzi una condizione imprescindibile.

Tutte le news sulla SERIE A e non solo: CLICCA QUI!

Conte e Agnelli
Conte e Agnelli (Getty Images)

Conte alla Juventus con l’addio di Agnelli

Paolo Bargiggia spiega che il ritorno di Marotta e Conte alla Juventus non è un’idea campata in aria. Se per il dirigente se ne parla da tempo, anche per l’allenatore le cose potrebbero portare ad un ritorno in bianconero. Perché ciò accada serve però che Andrea Agnelli lasci la carica di presidente del club. Tra il numero uno bianconero e Conte, infatti, i rapporti non sono idilliaci e fu proprio Agnelli a bocciare il ritorno del tecnico proposto da Nedved prima di scegliere Sarri.

LEGGI ANCHE >>> Superlega, Juventus e Real Madrid nei guai: l’Uefa può stangarle

Il giornalista parla di “possibilità importanti” nel caso in cui Agnelli lasci la Juventus. E spiega come tra Conte e Marotta si sia ricreato il feeling degli anni scorsi dopo i dissapori dello scorso campionato e il chiarimento a Villa Bellini. Occhio quindi al doppio ritorno per la Juventus con l’Inter che si ritroverebbe con lo scudetto in tasca ma in un colpo solo senza amministratore delegato e allenatore.