L’Inter ha scelto il sacrificio per tenersi Conte

Antonio Conte dà indicazioni
Antonio Conte (Getty Images)

Mercato in entrata ferma, situazione del club non semplice e si fa strada la cessione eccellente: scelto il nome da sacrificare

Niente Superlega e allora per l’Inter cessioni obbligatorie. Questo è quanto potrebbe accadere in estate se non dovessero esserci novità dal punto di vista finanziario. Il gruppo Suning non attraversa un momento felice dal punto di vista economico: l’ipotesi della Superlega con i suoi grandi introiti avrebbe potuto rappresentare una svolta per le finanze del club nerazzurro, ma così non è andato.

Zhang ha ripreso quindi la caccia a finanziatori, ma intanto si fa largo l’ipotesi che in estate sia necessaria una cessione di peso. Del resto le parole di Conte lo avevano fatto capire: i piani sono cambiati, serve chiarezza ha tuonato l’allenatore che, dovesse esserci il ridimensionamento potrebbe anche lasciare. Per evitarlo, possibile sacrificio di un big.

Tutte le news sulla SERIE A e non solo: CLICCA QUI!

Lautaro Martinez
Lautaro Martinez (Getty Images)

Inter, Lautaro Martinez via per finanziare il mercato

Il nome eccellente da sacrificare in nome del bilancio – secondo ‘TuttoSport’ – è quello di Lautaro Martinez. L’argentino ha da poco cambiato l’agente e presto potrebbe firmare il contratto da 4,5 milioni sul quale c’è accordo da tempo. Per restare? Questo è un interrogativo che al momento non ha risposta.

LEGGI ANCHE >>> Inter, dopo lo scudetto scatterà l’ora dei sacrifici: Conte tra questi?

Il ‘Toro’ potrebbe essere ceduto ad una cifra importante per sistemare il bilancio. Poi si capirà quel che la società vorrà fare con i soldi ricavati. Dovessero andare tutti sul mercato, Conte potrebbe avere i tre acquisti che chiede: un esterno sinistro, con Emerson Palmieri in prima fila, un centrocampista (De Paul) e un vice Lukaku. Colpi che senza novità dal punto di vista societario e senza cessioni non sarebbero al momento possibili. Ora però è il momento di concentrarsi sullo scudetto, poi toccherà decidere il futuro: senza o con addio eccellente.