Inter, dopo lo scudetto scatterà l’ora dei sacrifici: Conte tra questi?

Inter Zhang Conte
Zhang (GettyImages)

Il futuro dell’Inter è legato ai programmi di Zhang, tra rosso del bilancio e cessioni eccellenti, il rinnovo di Antonio Conte è incerto

Il patto per lo scudetto durerà fino al termine della stagione, poi in casa Inter sarà il momento delle scelte. Conte vuole risposte. Il “Corriere dello Sport” ha fatto il punto sui nerazzurri nell’edizione di questa mattina tra rinnovi, scadenze, cessioni e altri aspetti societari.

Sia il tecnico, che Marotta, Ausilio e Baccin sono in scadenza nel 2022. In conferenza è stato lo stesso Antonio Conte ad avvicinare l’ora dei chiarimenti e dei programmi.

Tutte le news sulla SERIE A e non solo: CLICCA QUI!

Inter Zhang Conte
Antonio Conte (GettyImages)

Inter, Zhang tra prestito, rinnovo e cessioni: a fine stagione incontro con Conte per chiarire i programmi

Secondo il “Corriere” le scadenze previste da qui al 30 giugno saranno rispettate, a patto che dalla Cina venga chiuso il finanziamento da 250 milioni necessario per acquisire il 31,05% di “LionRock” e versare nelle casse dell’Inter qualche decina di milioni di euro.

Il prestito graverà soltanto sui proprietari e non sul club e sarà ottenuto dando in pegno per i prossimi 2-3 il 100% di “Great Horizon”, la scatola lussemburghese che controlla il club.
Secondo il “Sole 24 Ore”, i gruppi che trattano l’operazione attraverso l’intermediazione di “Goldman Sachs” sono gli americani “Fortress”, “King Street Capital Management” e il fondo “Bain Capital Credit” (da questo non vi sono conferme).

Zhang punterà inoltre a cedere il 30% delle azioni per avere liquidità e rimborsare in futuro il prestito. Resta da capire cosa succederà invece se dovesse arrivare un’offerta per la maggioranza intorno al miliardo di euro.

A breve dovrà anche essere programmata la prossima stagione, quindi sarà indicata la disponibilità economica ma Zhang dovrà chiarire pure di quanto sarà abbassato il monte ingaggi. In questo momento sembra scontata la cessione di uno o due calciatori, meglio se entro il 30 giugno in modo da limitare le perdite del bilancio. Una parte dei soldi incassati sarà poi reinvestita.

Se il progetto dovesse essere accettato, per Antonio Conte dovrebbe anche arrivare il rinnovo di contratto. Probabile che rinnoveranno pure Marotta, Ausilio e Baccin.

LEGGI ANCHE >>> Milan, gli indizi che avvicinano l’obiettivo di mercato di Maldini

Molto però dipenderà dal progetto perché se dovesse essere ridimensionato allora potrebbe profilarsi un altra strada per Conte e gli altri. Il tecnico, in particolare, si chiede ancora il “Corriere dello Sport” accetterebbe se l’obiettivo dovesse essere la qualificazione in Champions?