Non solo Pogba, la Juve apre a un altro ritorno

Pogba
Pogba (Getty Images)

La Juventus proverà a mettere le mani su Pogba in vista dell’imminente sessione di calciomercato estivo. Non solo, occhio alle strategie dei bianconeri: non è escluso che la dirigenza della Juventus possa aprire a un altro possibile ritorno

Il calciomercato della Juventus partirà dal possibile assalto bianconero a Paul Pogba. Il centrocampista del Manchester United, come noto, rappresenta il primo acquisto dei bianconeri in vista della prossima stagione. La trattativa potrebbe decollare sulla base di uno scambio alla pari, con la Juventus pronta a sacrificare Dybala pur di arrivare al centrocampista francese.

Pogba, dal canto suo, sarebbe pronto ed entusiasta di riabbracciare i colori bianconeri. Un ritorno alla Juventus che potrebbe coincidere con quello di Massimiliano Allegri sempre più vicino al ritorno in panchina e candidato numero uno a sostituire Pirlo alla guida della Juventus della prossima stagione. Tutto dipenderà dalle strategie bianconere e anche dalle possibili mosse della proprietà bianconera con punto interrogativo anche sulla conferma del presidente Agnelli e dalla dirigenza juventina.

Tutte le news sulla SERIE A e non solo: CLICCA QUI!

Pogba in azione
Pogba (Getty Images)

Juventus, non solo Pogba e Allegri: si apre anche al ritorno di Keanù

Come accennato, la Juventus potrebbe affondare il tackle sul possibile ritorno di Pogba e di Allegri in vista della prossima stagione. Non solo, attenzione anche al capitolo Moise Kean. L’attuale centravanti del PSG potrebbe far ritorno a Torino in caso di offerta da circa 40-45 milioni di euro. La Juventus vorrebbe ringiovanire il reparto offensivo partendo dall’ex bianconero.

LEGGI ANCHE >>> Per la panchina dell’Inter spunta un nome a sorpresa

Una strategia di mercato che potrebbe entrare nel vivo nel corso delle prossime settimane. La Juventus finanzierebbe la sua strategia con le cessioni di Cristiano Ronaldo, Dybala, Rabiot, Ramsey e Bernardeschi. Il sacrificio di CR7 potrebbe rivelarsi necessario per il ridimensionamento del monte ingaggi. L’oneroso stipendio da 31 milioni di euro dell’attaccante portoghese potrebbe diventare insostenibile per i bianconeri.