“No a Inter e Juventus”: Lavezzi conferma tutto

Lavezzi quando vestiva la maglia dell'Argentina
Fonte: Lavezzi (Getty Images)

Ezequiel Lavezzi, ex attaccante del Napoli, si è raccontato durante una lunga e interessante intervista a Sky Sport

Per amore dei napoletani, almeno così dice, Ezequiel Lavezzi non avrebbe mai accettato la corte della Juventus. Per lo stesso motivo, ha declinato quella dell’Inter, società che lo ha cercato ripetutamente, nel corso di questi anni. Era diventato un tormentone: “Lavezzi all’Inter, ci siamo”. Mancavano sempre i famosi dettagli. L’argentino ha rivelato che “non avrebbe mai accettato perché troppo legato ai suoi vecchi tifosi”.

Mai in Italia con una maglia diversa da quella del Napoli, indossata fiero dal 2007 al 2012, con la quale ha conquistato una Coppa Italia e vissuto stagioni memorabili. I napoletani, da buon argentino, lo hanno adorato. Avevano bisogno di un altro albiceleste dopo Diego e si sono legati al Pocho. L’ex Psg, intervistato da ‘Sky Sport’, ha rivelato alcuni retroscena relativi al suo passato.

Tutte le news sulla SERIE A e non solo: CLICCA QUI!

De Laurentiis
De Laurentiis (Getty Images)

Lavezzi si racconta: dal Napoli all’Inter

L’argentino un anno fa ha smesso col calcio, ha lasciato la società cinese dell’Hebei e ha deciso di smettere, per sempre, col pallone. Una scelta sofferta ma inevitabile. In passato poteva tornare in Italia: “C’era la possibilità, ma a Napoli ho creato una sintonia unica con la città e l’ambiente e non volevo giocare in un’altra squadra in Serie A” dice. Saranno felici i napoletani.

LEGGI ANCHE >>> “Gattuso alla Juventus”: il tecnico si prende la sua rivincita

L’Inter lo aveva corteggiato sul serio e invano. “Mai sarei andato alla Juventus. Con l’Inter ci è stato qualcosa, vero, ma decisi di non andare e preferii la Cina”. Lavezzi vuole tornare a Napoli, sogna di fare una partita d’addio, Covid permettendo, al Maradona, lo stadio che ha il nome del suo idolo: “Diego è il calcio, io ho sempre cercato di dare tutto per il Napoli”. Nel suo piccolo, ci è riuscito.