Juventus, così Agnelli può levarsi dall’imbarazzo

Juventus Pirlo Agnelli
Agnelli (GettyImages)

Pirlo medita di dare le dimissioni da tecnico della Juventus a fine stagione: la sua scelta ridurrebbe gli imbarazzi di Agnelli e Paratici

Nelle scorse settimane Andrea Pirlo ha ricevuto il sostegno della società ma il suo futuro sulla panchina della Juventus è in forte discussione. Paratici ha parlato di permanenza dell’allenatore bresciano in caso di qualificazione in Champions League. Dopo la partita con la Fiorentina, tuttavia, l’ex centrocampista della nazionale è stato il primo a mettersi in discussione dicendo che sicuramente il club bianconero si sarebbe aspettato risultati migliori e che anche lui stesso confidava di riuscire a fare meglio. La sua panchina comunque traballa già nell’immediato, altra tappa fondamentale del suo percorso sarà rappresentata dalla sfida con l’Udinese. La Juventus deve vincere per continuare a restare aggrappata al treno Champions League. Una mancata qualificazione all’Europa che conta avrebbe danni economici importanti. Ma ora, “La Gazzetta dello Sport” si spinge oltre e afferma che Pirlo potrebbe anche dimettersi levando dall’imbarazzo Agnelli e Paratici dal dover prendere una decisione così scomoda in estate.

Tutte le news sulla SERIE A e non solo: CLICCA QUI!

Juventus Pirlo Agnelli
Pirlo (GettyImages)

Juventus e Pirlo, in dubbio il futuro: il bresciano può dare le dimissioni e levare Agnelli dall’imbarazzo

Secondo la testata milanese, dunque, Andrea Pirlo potrebbe seguire le orme di Marcello Lippi, che in passato abbandonò la nave. L’allenatore viareggino rassegnò le sue dimissioni a febbraio 1999, in un periodo molto difficile per la sua squadra. Senza i risultati, il tecnico decise di farsi da parte dopo una sconfitta interna per 4-2 contro il Parma.

Le dimissioni di Andrea Pirlo invece potrebbero arrivare a fine stagione. Il bresciano non è riuscito a far attecchire il suo gioco. Il calcio che voleva imprimere in bianconero è rimasto soltanto un progetto mai decollato e sarà ora ricordato per l’allenatore con cui si è chiuso un grosso ciclo di vittorie in Italia per la Juventus, che ha abbandonato precocemente anche la Champions League, eliminata dal Porto negli ottavi di finale.

LEGGI ANCHE >>> Napoli, in Europa soltanto Insigne ai livelli di Messi

La Juventus è appaiata al terzo posto in classifica insieme a Napoli e Milan mentre la Lazio ha 61 punti, cinque in meno rispetto al terzetto, con una gara in meno. La corsa per le prime quattro posizioni è apertissima e tiene conto pure dell’Atalanta, seconda con 68 punti.