Lazio la stangata è ufficiale: pugno di ferro della Corte, squalifica lunghissima

Lotito arriva la stangata della Corte: 12 mesi di squalifica
Claudio Lotito (Getty Images)

Arriva la decisione della Corte d’Appello sul caso tamponi: dodici mesi di squalifica a Claudio Lotito, presidente della Lazio

Era attesa ed è arrivata: sentenza durissima nei confronti del presidente della Lazio, Claudio Lotito, sul caso tamponi. La Corte d’Appello della Figc ha comminato al patron biancoceleste una squalifica di ben 12 mesi. Ovviamente, sono attese le reazioni del mondo laziale a questa pesante squalifica, a partire dallo stesso Lotito.

Sul caso tamponi, si giocava anche la permanenza di Lotito come consigliere federale. Se il patron biancoceleste avesse ricevuto 10 mesi e 1 giorni di squalifica, sarebbe decaduto da consigliere federale, vista la necessità di 12 mesi e 1 giorno di squalifica cumulati in dieci anni (Lotito subì una squalifica di 2 mesi nel 2012 per l’inchiesta definita ‘agentopoli’).

Inutile stare a ribadire la valenza della carica di consigliere Figc in un momento così particolare dopo tutte le ultime vicende. Lotito, però, squalificato 12 mesi dalla Corte d’Appello per il caso tamponi perderà la carica di consigliere federale. La Lazio farà ricorso al Collegio di Garanzia dello Sport presso il Coni.

Tutte le news sulla SERIE A e non solo: CLICCA QUI!

Inzaghi e Lotito
Inzaghi e Lotito (GettyImages)

Squalifica Lotito: resta patron biancoceleste, ma niente cariche

Questo il dispositivo della sentenza che punisce il massimo dirigente biancoceleste oltre ai medici sociali del club

Per la Lazio, quindi, anche la multa di duecentomila euro sul caso tamponi. Prevedibile che il club voglia dare battaglia

LEGGI ANCHE >>> Milan in emergenza: due titolari alle prese con il termometro

La Lazio, inoltre, attende anche dal Collegio dello di Garanzia dello Sport il verdetto sul match con il Torino, al momento previsto per metà maggio, dopo il rinvio per i casi Covid nella squadra granata.