Cassano non si smentisce: dura critica all’Inter anche dopo lo scudetto

Cassano durante la partita del cuore
Antonio Cassano (Getty Images)

L’ex calciatore Antonio Cassano non cambia idea e, anche dopo lo scudetto, critica la qualità del gioco espressa dall’Inter in campo. 

Antonio Cassano non si smentisce. Mantiene la sua visione anche nel momento in cui l’Inter si erge a Campione d’Italia dopo undici anni dall’ultima volta e dopo nove di dominio della Juventus. Il pari tra Sassuolo e Atalanta ha permesso alla squadra di Antonio Conte di festeggiare con quattro giornate d’anticipo e i festeggiamenti in Duomo hanno generato polemiche a causa degli assembramenti nel periodo peggiore per la pandemia da coronavirus.

Tutte le news sulla SERIE A e non solo: CLICCA QUI!

Cassano insiste: “L’Inter non gioca bene”

Cassano e Zanetti parlano durante la partita del cuore
Antonio Cassano (Getty Images)

Le discussioni sull’efficacia del gioco dell’Inter sembrano essersi assopite grazie ai risultati e alle vittorie conseguite. I mesi bui dell’eliminazione dalla Champions League e dalla Coppa Italia hanno lasciato spazio alla gioia. D’altronde Conte aveva mandato un messaggio chiaro poi ribadito proprio in queste ultime settimane. L’eliminazione delle competizioni internazionali è stato un duro colpo da digerire, ma ha anche dato lo stimolo per lottare ed andare oltre. 

LEGGI ANCHE >>> “L’Inter non mi ha fatto entrare”, il sorprendente retroscena di Maicon

Secondo Antonio Cassano questo leitmotiv è poco più di uno specchietto per le allodole. A suo parere, infatti, è stata la flessione della Juventus a favorire l’Inter e non gli stessi nerazzurri, che non sarebbero protagonisti e sponsor di un calcio vincente e propositivo. Ne ha parlato alla ‘Bobo Tv’ su Twitch, dichiarando: “Lo scudetto è meritato, ma per me l’Inter non gioca per niente bene. Non mi piace come squadra, non mi trasmette nulla quando scende in campo. Continuo a pensarlo anche adesso che ha vinto lo scudetto. I nerazzurri non fanno pressing e difendono negli ultimi 30 metri. Mi annoia vederli giocare”. Sarà, eppure…