Juventus, summit concluso: deciso il futuro di Pirlo

Andrea Pirlo
Pirlo (Getty Images)

Appena concluso il summit alla Continassa: la Juventus ha preso una decisione sul futuro di Andrea Pirlo dopo il ko col Milan

Un lungo confronto per parlarsi all’indomani dell’ennesimo tracollo. La Juventus, poi, ha deciso: fiducia per Andrea Pirlo nonostante l’ultimo ko, quello col Milan, sconfitta per 3-0 che rende complicato, a questo punto, il percorso verso la Champions League. Non c’è tempo per un traghettatore e non è detto sia la soluzione giusta la rivoluzione tecnica a quattro partite dal termine del campionato. Per questo motivo Agnelli ha deciso di confermare Pirlo.

L’ex regista del Milan sarà l’allenatore delle ultime tre di campionato e della finale di Coppa Italia contro l’Atalanta in programma il prossimo 19 maggio. La redazione di ‘Sportitalia’ aggiorna la situazione relativa al destino di Pirlo. L’allenatore resta in panchina e dovrà riscattarsi quanto prima, vincendo le prossime tre partite per conquistare la Champions, l’obiettivo minimo della Juventus per questa stagione.

Tutte le news sulla SERIE A e non solo: CLICCA QUI!

Ibra a terra per infortunio, contro la Juventus
Juventus-Milan (Getty Images)

Juventus, deciso il futuro di Pirlo

Quota 69 punti in classifica per la Juventus, quinta, fuori dalla Champions, distante dai fasti di un tempo. Irriconoscibile contro il Milan la formazione allenata da Pirlo, squadra scarica, con Ronaldo in ombra, senza sorrisi. Per tutti questi motivi, con gli altri risultati negativi dei giorni scorsi, si era parlato di un possibile esonero di Pirlo. Ma la società, dopo l’incontro di questa mattina, ha scelto di rinnovare la propria fiducia al tecnico.

LEGGI ANCHE >>> Non rinnova, l’allenatore che si libera per la Juventus

Si andrà avanti con l’ex regista della Nazionale fino al termine della stagione, poi sarà addio. La Juventus valuta eventuali sostituti. Ora l’obiettivo è ottenere la Champions League sul campo e conquistare il secondo trofeo stagionale, la Coppa Italia, dopo la Supercoppa vinta battendo in finale il Napoli.