Manchester United nel caos: di nuovo cori e fumogeni ad Old Trafford

Esterno di Old Trafford
Proteste ad Old Trafford (Getty Images)

E’ esploso nuovamente il caos in quel di Old Trafford, dove un consistente gruppo di tifosi è tornato a proteste contro i Glazer.

Animi ancora accesi attorno al Manchester United, soprattutto dopo il caos Superlega che ha creato scompiglio in tutto l’ambiente dei red devils ed in generale in tutta Europa. Non è bastato il passo indietro fatto dal club, dopo l’iniziale adesione alla nuova competizione europea che aveva Florentino Perez ed Andrea Angelli a capo dei 12 club “fondatori”, dei quali sono rimasti soltanto in tre (Juventus, Real Madrid e Barcellona). I tifosi, infatti, non hanno preso bene l’atteggiamento della società in questa circostanza, aspettandosi evidentemente qualcosa di più.

Cosi, proprio lo scorso 2 maggio, i supporters dello United hanno letteralmente assaltato Old Trafford, per protestare contro la proprietà. Il tutto a ridosso del match che avrebbe dovuto vedere proprio il Manchester contro il Liverpool, partita poi rinviata. Ma il malumore non si è placato, e la testimonianza è arrivata proprio oggi.

Tutte le news sulla SERIE A e non solo: CLICCA QUI!

Esterno di Old Trafford
Proteste ad Old Trafford (Getty Images)

Manchester United, ancora proteste ad Old Trafford

Proprio oggi, infatti, è in programma la sfida tra il Manchester United ed il Liverpool, quella rinviata appunto il 3 maggio. I tifosi dei red devils hanno ben pensato di riprendere le proteste di dieci giorni fa, ripresentandosi nuovamente ad Old Trafford in numero consistente. Cori, fumogeni e fonti dall’Inghilterra riportano anche di un pullman bloccato che pare fosse proprio quello del Liverpool.

LEGGI ANCHE >>> “10 milioni alla Fiorentina se la Juve va in Champions”, ma è una fake news

La sfida si sta giocando in questi minuti, ma i tifosi hanno proseguito le proteste contro la famiglia Glazer ed ovviamente la gestione del club. Una situazione tornata incandescente, quella tra i tifosi e la proprietà, proprio a causa della Superlega ma con radici sedimentate già nel tempo.

Da capire, adesso, come la proprietà deciderà di gestire una situazione caldissima, e che potrebbe portare anche a decisioni importanti nel corso dei prossimi mesi. Nel frattempo ad Old Trafford si gioca, almeno per il momento.