Serie A, la cronaca di Milan-Cagliari 0-0

I giocatori del Milan esultano dopo il gol di Diaz alla Juventus
Juventus-Milan (Getty Images)

Alle 20.45 spazio all’ultimo posticipo di questa domenica di Serie A. Allo stadio Meazza scendono in campo Milan e Cagliari.

Il Cagliari può festeggiare. Il pareggio di oggi del Benevento ha sancito la matematica salvezza per la squadra sarda che potrà scendere con un animo più sereno sul campo del Meazza, dove i tre punti in palio sono di assoluta importanza per il Milan di Stefano Pioli. La squadra rossonera, infatti, è in corsa per un posto in Champions League, ma il traffico è considerevole ed anche oggi è arrivata un’altra risposta importante.

La vittoria del Napoli contro la Fiorentina, infatti, ha lanciato nuovamente gli azzurri al terzo posto in classifica ed ora tocca al Milan. I rossoneri, infatti, sono al momento a pari punti con la Juventus ma serve una sterzata per portarsi nuovamente sopra la squadra bianconera. I giocatori sono consapevoli dell’importanza del match contro il Cagliari, e per questo metteranno in campo ogni mezzo per provare a portare a casa i tre punti.

Non vincere oggi potrebbe rappresentare un problema molto serio per i rossoneri, visto che all’ultima giornata la squadra di Pioli si ritroverà di fronte l’Atalanta che, ad onor del vero, è già matematicamente qualificata alla prossima Champions League. Al Milan serve qualche sforzo in più e tenere botta fino alla fine. Vedremo se, proprio la mancanza di tensione in casa Cagliari, possa rappresentare un ostacolo in più per i rossoneri.

Tutte le news sulla SERIE A e non solo: CLICCA QUI!

Milan-Cagliari, le formazioni ufficiali

Milan (4-2-3-1): G. Donnarumma; Calabria, Kjaer, Tomori, Hernandez; Bennacer, Kessie; Saelemaekers, Diaz, Calhanoglu; Rebic. Allenatore: Stefano Pioli.

LEGGI ANCHE >>> Inzaghi fa tremare i tifosi del Benevento: “Non ci ho pensato”

Cagliari (3-4-2-1): Cragno, Ceppitelli, Godin, Carboni; Nandez, Deiola, Marin, Lykogiannis; Nainggolan, João Pedro; Pavoletti. Allenatore: Leonardo Semplici.