“Il futuro di Conte dipende dal club”, che frecciata durante la festa

Antonio Conte durante la festa
Antonio Conte (Getty Images)

Sul futuro di Antonio Conte ci sono ancora grandi nubi. Ne ha parlato il suo vice, Cristian Stellini, durante la festa Scudetto.

Antonio Conte resterà all’Inter? Questa è la grande domanda che tutti i tifosi dell’Inter si stanno facendo ormai da diverse settimane, ma un risposta concreta non è ancora arrivata. Questo è il momento dei festeggiamenti, ovviamente, ma resta il fatto che per progettare anche la prossima stagione servirà ovviamente capire chi siederà in panchina. Se sarà Conte, chiaramente, la piazza apprezzerà caldamente il fatto di poter portare avanti un progetto che ha già portato a casa un importate risultato come lo Scudetto.

Il chiarimento dovrà arrivare anche da quello che la dirigenza deciderà di fare con tutta la rosa. In queste settimane si è parlato di ridimensionamento da parte del club, un aspetto che ovviamente potrebbe anche andare a minacciare il proseguimento dell’avventura di Conte sulla panchina nerazzurra.

Tutte le news sulla SERIE A e non solo: CLICCA QUI!

Inter, Conte resta? Frecciata del vice Stellini

Durante la festa non ci sono state le dichiarazioni di Conte che ha deciso di restare a debita distanza dalle telecamere, evidentemente anche per dribblare le domande sul futuro e se la sua avventura all’Inter effettivamente proseguirà.

Ne ha parlato, però, Cristian Stellini, il vice allenatore nerazzurro, che ai microfoni di Dazn ha spiegato a chiare lettere quello che dovrà essere lo step per capire se Conte resterà effettivamente sulla panchina dell’Inter.

LEGGI ANCHE >>> Il gesto eloquente di Hakimi che chiarisce il suo futuro

“Se questo progetto può continuare, per tutti, si può andare avanti. Noi saremmo felicissimi… Ma quando hai un allenatore top e di alto livello, anche i progetti devono esserlo“, le sue parole, ai microfoni di Dazn.

“Bisognerebbe fare un passo indietro – ha dichiarato Stellini – e ripartire da quando questo progetto è iniziato: era triennale, importante, che doveva riportare l’Inter alla vittoria in Italia e a emergere in Europa. Abbiamo ottenuto grandi soddisfazioni. E quel progetto dovrebbe proseguire, dovrebbe continuare. E questa, però, è una risposta che sarà la società a dare“, le parole del vice allenatore. Un chiaro segnale anche alla dirigenza nerazzurra.