Calciomercato Atalanta, doppio sacrificio offensivo: Muriel resta

Muriel esulta
Luis Muriel (Getty Images)

Gasperini resterà alla guida dell’Atalanta anche in vista della prossima stagione. Cosa potrebbe cambiare in casa nerazzurra? La sensazione è che la Dea potrebbe mettere in atto un doppio sacrificio offensivo

L’Atalanta è già pronta a recitare una parte da protagonista sul mercato in modo da programmare al meglio l’inizio della prossima stagione. Il piano acquisti andrà di pari passo con i capitolo cessioni. Gasperini potrebbe aprire concretamente all’addio di Ilicic, il quale non rientrerebbe più nei piani futuri del tecnico e del club. L’ex Palermo piace al Milan, ma non è escluso che sul giocatore possa irrompere con forte decisione la Lazio.

Il suo futuro sarà deciso nelle prossime settimane. Non solo Ilicic, la Dea saluterà anche Lammers, altro sacrificato offensivo per cercare di far cassa in vista del futuro. L’attaccante olandese, poco utilizzato da Gasperini nel corso della stagione, potrebbe dire addio dinanzi a un’offerta cash da circa 15-20 milioni di euro. Lammers interessa al Torino e al Genoa, interesse manifestato già nella scorsa sessione di mercato invernale.

Tutte le news sulla SERIE A e non solo: CLICCA QUI!

Muriel top 11 giornata 33 Correa
Luis Muriel (Getty Images)

Calciomercato Atalanta, Muriel resterà in maglia nerazzurra

Il sacrificio di Ilicic potrebbe coincidere con la conferma di Muriel e Zapata, entrambi pronti a sposare ancora i colori nerazzurri. I due attaccanti colombiani piacciono a diversi club europei, ma la Dea potrebbe fare muro e trattenerli entrambi a Bergamo per cercare di dare continuità al processo di crescita dell’Atalanta.

LEGGI ANCHE>>> Inter, due nuovi nomi a sorpresa per sostituire Conte

Da valutare anche il futuro di Romero. Atalanta e Juventus si siederanno al tavolo per la trattativa. La Dea potrebbe riscattare il centrale argentino per una cifra di circa 16 milioni di euro. Sono attese novità già nel corso delle prossime settimane. In chiave cessioni, punto interrogativo anche sul futuro di Gosens e Hateboer.