Juventus, dopo Allegri si apre a un altro ritorno

Allegri con la Juventus
Massimiliano Allegri (Getty Images)

Confermato il ritorno di Allegri, con ufficialità attesa tra oggi e domani, la Juventus sarebbe già pronta a valutare le prossime strategie di mercato. Spazio a diverse cessioni, ma attenzione al possibile ritorno in bianconero

Il calciomercato della Juventus partirà dal piano cessioni che potrebbe coinvolgere anche Cristiano Ronaldo. L’attaccante portoghese potrebbe dire addio di fronte a un’offerta cash da circa 25-30 milioni di euro, cifra che consentirebbe ai bianconeri di non concretizzare nessuna minusvalenza dopo i 100 milioni sborsati tre estati fa. Ronaldo, come noto, piace a PSG e Manchester United, ma tutto dipenderà dalle pretese contrattuali del diretto interessato.

La Juventus sarebbe pronta a metterlo sul mercato, mentre Dybala potrebbe essere confermato in bianconero insieme a Morata, quest’ultimo stimato particolarmente dal neo tecnico juventino. L’attaccante spagnolo potrebbe essere confermato con un nuovo prestito da 10 milioni di euro. In chiave cessioni, massima attenzione al futuro di Ramsey e Rabiot: il primo lascerà Torino al 99%, mentre il secondo potrebbe restare in caso di ok da parte di Allegri.

Tutte le news sulla SERIE A e non solo: CLICCA QUI!

rau
Massimiliano Allegri (Getty Images)

Il ritorno di Allegri potrebbe coincidere con quello di Pogba

Come accennato, Allegri metterà nero su bianco il suo nuovo contratto con la Juventus già nel corso delle prossime ore. In chiave acquisti, non è escluso che i bianconeri possano tornare alla carica per Pogba. Il centrocampista francese potrebbe spingere per il ritorno alla Juventus dopo l’arrivo di Allegri. 80 milioni di euro la valutazione del francese, ma non è da escludere un’operazione di mercato basata sullo scambio.

LEGGI ANCHE>>> Inter, due nuovi nomi a sorpresa per sostituire Conte

Il ritorno di Pogba potrebbe aprire all’addio di Ronaldo, Ramsey, ma anche a quello di Bonucci o Alex Sandro. Quattro o cinque cessioni necessarie per sistemare la grana monte ingaggi e dar respiro alle casse juventine. Certo anche l’addio di Bernardeschi.