Havertz regala la Champions al Chelsea: continua l’incubo per Guardiola

Esultanza Chelsea
Chelsea (Getty Images)

Il Chelsea con la rete di Havertz batte il Manchester City di Guardiola 0-1 e vince la sua seconda Champions League

Da pochi minuti è terminata la finale di Champions League tra Manchester City e Chelsea con il risultato di 0-1 a favore della team allenato da Tuchel. E’ la seconda Champions nella storia del Chelsea. Guardiola deve rimandare ancora la vittoria della massima competizione europea con il City.

Il City pressa subito alto per permettere in difficoltà il Chelsea. La squadra di Tuchel non  ha timore e va più volte vicino al gol con Werner. L’ex Lipsia ha ben tre occasioni per passare in vantaggio i suoi, ma è risultato sempre impreciso. Il City è pericoloso al 28′ con con cross di Foden respinto da un ottimo interventod di Rudiger. Al 40′ esce Thiago Silva per infortunio. Dopo tre minuti, il Chelsea passa in vantaggio con Havertz su un assist meraviglioso di Mount. 

Tutte le news sulla SERIE A e non solo: CLICCA QUI!

Azione di gioco durante City-Chelsea
Manchester City e Chelsea (Getty Images)

Il Chelsea rischia solo al 96′ con Mahrez

Il Manchester City cerca di giocare con più ritmo nella ripresa, ma il Chelsea è attento e copre tutti gli spazi. Al 61′ Guardiola cambia De Bruyne dopo uno scontro con Rudiger. Il City al 63′ protesta per un presunto fallo di mano di James, ma il VAR fa continuare.  Al 68′ Mahrez mette un cross basso ed è bravissimo Azpilicueta ad anticipare per un soffio Gundogan.  Il Chelsea sfiora il raddoppio in contropiede con Pulisic che manda a lato l’assist di Havertz.

LEGGI ANCHE >>> Napoli in Champions al posto della Juve, la risposta di Ceferin

Negli ultimi 20 minuti il Manchester City prova a riportare il risultato in parità, inserendo anche Aguero al posto di Sterling. Il Chelsea non rischia fino all’89’ quando Christensen salva tutto su Foden. Al 96′ Mahrez va vicinissimo al pareggio con un tiro dal limite dell’area che sfiora la traversa. La partita termina e Tuchel può festeggiare dopo l’esonero con il PSG.