Donnarumma, il bluff di Raiola scoperto grazie ad una mail alla Juventus

Raiola
Raiola (Getty Images)

Gigio Donnarumma via dal Milan ma ancora senza una squadra: il bluff di Raiola scoperto grazie ad una mail inviata alla Juventus

Raiola
Raiola (Getty Images)

Via dal Milan: Gigio Donnarumma tra un mese esatto saluterà il club che lo ha cresciuto e lanciato nel grande calcio. Lo farà perché per mesi il suo agente, Mino Raiola, ha risposto picche ad una offerta di rinnovo da 8 milioni di euro a stagione. Una cifra importante, migliorativa rispetto al contratto da sei milioni ancora in vigore. Il procuratore però ha alzato le barricate, facendo presente un’offerta da 10 milioni di euro arrivata sulla sua scrivania.

La stessa offerta che ora, cancellata al possibilità di rinnovare con il Milan, potrebbe essere accettata senza problemi. In realtà qualche problema c’è per Donnarumma e ne parla il ‘Corriere dello Sport’. Mino Raiola ha, infatti, spedito tramite i suoi collaboratori una mail alla Juventus. La chiusura dell’affare? Niente affatto: la missiva informava il club bianconero che il portiere è pronto ad accettare anche uno stipendio da sei milioni di euro. Lo stesso percepito al Milan.

Tutte le news sulla SERIE A e non solo: CLICCA QUI!

Juventus, Donnarumma pronto a dire sì con lo sconto

Donnarumma
Donnarumma (Getty Images)

La conclusione che trae il quotidiano romano è semplice. La mail spedita alla Juventus scopre il bluff di Raiola sull’offerta da dieci milioni di euro. Proposta che evidentemente non c’era o almeno non c’è più.

LEGGI ANCHE >>> Juventus, Agnelli beffato sul mercato: visite mediche confermate

Già perché intanto Pirlo è andato via e Allegri è tornato in bianconero. Lo stesso allenatore che ha grande stima di Szczesny e sarebbe pronto a confermarlo in porta. Proprio il polacco è uno snodo fondamentale per l’affare Donnarumma: senza la sua cessione, e al momento non è imminente, la Juve non può muoversi per l’estremo difensore del Milan. Insomma, il rischio – visto che anche a Barcellona le cose sono simili con ter Stegen – è che Raiola resti con il cerino in mano.