“Stesso trattamento di Mertens”: Insigne, la manovra per restare a Napoli

Lorenzo Insigne esulta dopo un gol
Lorenzo Insigne (Getty Images)

Insigne, per rinnovare con il Napoli, non accetterà tagli di stipendio e prende come esempio l’amico Mertens: la società è avvisata

Importante retroscena sul rinnovo di Lorenzo Insigne con il Napoli rivelato da ‘La Repubblica’. Il contratto del capitano, in scadenza nel 2022, è una delle questioni prioritarie del mercato estivo del club di Aurelio De Laurentiis.

La volontà comune sarebbe quella di proseguire insieme, ma, come si suol dire, tra il dire e il fare c’è di mezzo il mare. La trattativa vera e propria, infatti, non sarebbe ancora cominciata (e, in ogni caso, occorrerà aspettare la fine dell’Europeo che Insigne disputerà con la maglia della Nazionale).

Tutte le news sulla SERIE A e non solo: CLICCA QUI!

Insigne e Mertens si abbracciano
Insigne e Mertens (Getty Images)

Napoli, Insigne per rinnovare non prenderà in considerazione tagli di stipendio

Fatto sta, riferisce il quotidiano romano, che l’attaccante di Frattamaggiore non avrebbe intenzione di prendere in considerazione un taglio dello stipendio attuale (da 4,5 milioni netti), come invece sembrerebbe intenzionata a chiedergli la società.

Lorenzo il Magnifico si aspetterebbe invece di ricevere lo stesso trattamento riconosciuto, non più tardi di una stagione fa, a un altro uomo simbolo come Dries Mertens. Al belga, che è di quattro anni più grande, al momento del prolungamento non è stato infatti toccato lo stipendio.

LEGGI ANCHE>>> Superlega, l’inatteso comunicato del Napoli sulla Juventus

Oltretutto Insigne è reduce dalla migliore annata della sua carriera in termini realizzativi, ulteriore motivo per cui considererebbe il taglio di ingaggio un autentico smacco.

Il numero 24 non sarebbe nemmeno totalmente soddisfatto dalla gestione dei diritti d’immagine, oggi totalmente in mano al club. Ma, trattandosi di uno storico pallino di ADL, il Napoli difficilmente rinuncerebbe a tale aspetto. Fatto sta che, per evitare un clamoroso divorzio già quest’estate, la società dovrà probabilmente cercare di venire incontro alle richieste del suo capitano.