“Eriksen pronto ad allenarsi”, la rivelazione del ct danese

Eriksen in azione con la Danimarca
Christian Eriksen (Getty Images)

Eriksen, parla l’agente: “È di buon umore, ringrazia tutti dell’affetto”. E ai compagni di squadra ha detto di essere pronto ad allenarsi

Le ultime, confortanti notizie sulle condizioni di Christian Eriksen arrivano direttamente dal suo agente Martin Schoots, che descrive un contatto telefonico avuto di recente con il numero 10 della Danimarca.

Ci siamo sentiti, era di buon umore – ha dichiarato Schoots a ‘La Gazzetta dello Sport’ -. Vogliamo tutti capire cosa gli sia successo, vuole farlo anche lui: i medici stanno facendo degli esami approfonditi, ci vorrà del tempo”.

Tutte le news sulla SERIE A e non solo: CLICCA QUI!

Il cartello di sostegno a Eriksen mostrato da un giovane tifoso inglese
Il cartello di sostegno a Eriksen mostrato da un giovane tifoso inglese (Getty Images)

“Eriksen felice, ha capito quanto amore ha intorno”

Tanto l’affetto ricevuto: “Christian era felice, perché ha capito quanto amore ha intorno, gli sono arrivati messaggi da tutto il mondo. Ed è rimasto particolarmente colpito da quelli in orbita Inter: non solo i compagni di squadra che ha sentito attraverso la chat, ma anche i tifosi. Lui e la sua famiglia ci tengono che arrivi a tutti il loro grazie“.

Il centrocampista, ricoverato al Rigshospitalet di Copenaghen, si trova in compagnia della moglie e dei genitori che lo assistono per tutte le necessità. Nel frattempo, il ct danese Kasper Hjulmand ha rivelato che Eriksen ha parlato in videochiamata con il resto della squadra: “Si è preoccupato lui di noi. Ci ha chiesto: ‘Come state? Mi sa che siete messi peggio di me! Io ora sarei pronto per allenarmi‘”.

LEGGI ANCHE>>> Dramma Eriksen, l’inaspettato gesto dei tifosi dell’Inter per Kjaer

Cosa che tutti si augurano potrà tornare a fare quanto prima. Ma ora, mentre continua a svolgere le necessarie verifiche mediche, Eriksen si limiterà a fare il tifo per i suoi compagni nella decisiva gara di giovedì, contro il Belgio dell’amico Lukaku.