Acerbi accoglie Sarri alla Lazio e lancia un messaggio a Inzaghi

Nazionale, Acerbi in conferenza stampa
Acerbi, Nazionale italiana (Getty Images)

Francesco Acerbi, difensore della Lazio e della Nazionale italiana, è intervenuto in conferenza stampa in vista del match contro la Svizzera e ha parlato anche di Sarri e Inzaghi.

L’Italia di Roberto Mancini sfiderà la Svizzera nella seconda gara valida per i gironi di Euro 2020 e la sfida l’ha presentata da Coverciano il difensore Francesco Acerbi, il quale è intervenuto anche sulla Lazio, suo club di appartenenza, e il cambio alla guida tecnica.

In merito agli impegni con gli azzurri ha commentato: “Non trovo punti deboli nella nostra squadra. Da migliorare c’è sempre, ma abbiamo sempre meritato di vincere. Mancini ha ragione, in questo torneo bisogna essere perfetti nei dettagli. Il mister ha cambiato la mentalità e ci fa stare bene. Non ci mette pressione forte, ci dice di divertirci con le nostre qualità, per esaltare le qualità dei singoli. E ha creato una famiglia, ed è merito soprattutto suo”.

Tutte le news sulla SERIE A e non solo: CLICCA QUI!

Lazio, Acerbi in conferenza sull’arrivo di Sarri e l’addio di Inzaghi

Acerbi in conferenza stampa con l'Italia
Francesco Acerbi, Italia (Getty Images)

Il suo prossimo allenatore però sarà Maurizio Sarri, che guiderà i biancocelesti a partire dalla prossima stagione: “Siamo felici, è un grande allenatore e sono contento di averlo. Ci saranno dei cambiamenti ma non importa, io ad esempio ora gioco a tre ma ho sempre giocato a quattro, e mi trovo benissimo. Sarà un banco di prova sia per noi che per Sarri, ma sono convinto che faremo una grandissima stagione”.

LEGGI ANCHE >>> Juve, Ronaldo vuole andar via: segnale chiarissimo in conferenza

Tuttavia, Acerbi non dimentica gli anni trascorsi sotto la guida tecnica di Simone Inzaghi, che a sua volta ha firmato con l’Inter: “Credevamo che trovasse l’accordo, poi non so bene cosa sia accaduto e alla fine è andato all’Inter. Sono contento per lui. Ho un buon rapporto, mi ha dato tanto come credo di aver dato a lui ed è arrivato un altro grandissimo allenatore. Ci rivedremo in campo, io sono contento sia per lui che per Sarri”.