Mancini, non preoccuparti: questa Francia non è imbattibile

Mbappé @GettyImages

Sembra indistruttibile la Francia di Deschamps: stelle, geometrie e forza. La Germania mostra, però, qualche lato debole

I milioni di tifosi dell’Italia che hanno appena terminato di vedere Francia-Germania avranno avuto la sensazione netta, inequivocabile, inesorabile ed anche un po’ avvilente che la nazionale in maglia blu sia molto difficile da battere, forse troppo anche per la bellissima Nazionale vista all’opera contro la Turchia. La vittoria per 1-0 contro la Germania è stata il frutto della maestria di Pogba in mezzo al campo, delle folate di Mbappé, della forza della difesa guidata da un maturo Kimpembe e dalla qualità di tanti altri interpreti. La Germania ha messo però alle corde la Francia per tratti della partita, dimostrando come si possa creare più di un problema anche alla strafavorita di questo Europeo. Non solo, i difetti mostrati dalla compagine di Low spiegano, di conseguenza, cosa non fare per provare ad arginare una nazionale formidabile qual è questa blues.
Tutte le news sulla SERIE A e non solo: CLICCA QUI!
Pogba in Francia-Germania
Paul Pogba in Francia-Germania (Getty Images)

Francia fortissima: l’Italia può farcela cancellando la profondità

Il punto nodale resta quello della profondità: la capacità di lanciare negli spazi di Pogba e di tanti altri interpreti transalpini con la capacità di scattare sia degli attaccanti sia degli esterni rende devastante la Francia negli spazi. Provare ad annullare la profondità con una squadra che sappia prestare alta ma che trovi la capacità di rinculare a velocità ancora più alta è una delle chiavi per cancellare parte del potenziale di Mbappé e compagni.
Ovviamente, tanti giocatori dalla grande prestanza fisica sanno occupare bene gli spazi e fanno grande densità: per metterli in difficoltà dal punto di vista difensivo, occorre una grande velocità nel giro-palla. Avere in tal senso e contemporaneamente in campo gente come Verratti e Jorginho può sicuramente aiutare a superare gli sbarramenti transalpini. Ovvio, che continuiamo a parlare di una generazione d’oro per il calcio francese che continua a sfornare enormi talenti: lavorare, però, sui vari difetti messi in mostra dagli uomini di Deschamps (ad esempio, nelle giocate in verticale fatte dalla Germania spesso i francesi sono andati in difficoltà) può far guardare con ottimismo anche a quella che dovrebbe essere, stando alle indicazioni che sono arrivate da questa prima giornata quella che sarà una straordinaria semifinale per questo europeo. Perché seguendo il tabellone, il seminifinale ci potrebbe/dovrebbe l’ennesimo capitolo della saga Italia-Francia.