Juve, Agnelli lancia un inedito messaggio di pace a Ceferin

Allegri osserva
Il presidente della Juventus Andrea Agnelli (Getty Images)

In occasione della conferenza stampa odierna, Andrea Agnelli ha parlato del futuro della Juventus, aprendo con la questione Superlega e il rapporto con Ceferin. 

Intervenuto in conferenza stampa per presentare la nuova area sportiva della Juventus e gli innesti dirigenziali, Andrea Agnelli, numero uno dei bianconeri, ha parlato anche della Superlega. Il presidente ha risposto alle numerose considerazioni di Ceferin, a capo della UEFA, sui fatti degli ultimi mesi: “La nostra azione legale porterà a risultati soddisfacenti. Il vero successo lo otterremo quando si ricomincerà a dialogare. Con Ceferin ho sempre avuto un ottimo rapporto e lo stimo ancora come persona. Quando si lavora nel mondo del business si sa che determinate cose non si possono dire quando si firma un accordo. Inoltre, con le dimissioni immediate dalle mie cariche ritengo di essermi comportato nel migliore dei modi.

Tutte le news sulla SERIE A e non solo: CLICCA QUI!

Juventus, Agnelli su Ceferin e il futuro di Ronaldo

Agnelli durante il derby di Torino
Andrea Agnelli, Juventus (Getty Images)

Forse si avvicinano tempi più sereni o almeno è quanto traspare dalle dichiarazioni conclusive di Agnelli su Ceferin: “Al momento abbiamo ricevuto dalla Uefa una lettera che ci ha ammesso alla prossima Champions, Aleksander è il padrino di mia figlia e col tempo torneremo a dialogare. C’è volontà di dialogo. Tuttavia non abbiamo nessuna paura delle minacce che sono state fatte negli ultimi mesi”.

LEGGI ANCHE >>> Roma in allarme: a rischio la presentazione di Mourinho

Agnelli preferisce non sbilanciarsi troppo, invece, sul futuro di Cristiano Ronaldo, però fa captare che in ballo ci sono diverse valutazioni: “Cristiano è stata una delle prime operazioni che ha coinvolto diverse parti della società. L’investimento ad oggi ha risultati positivi nonostante la pandemia. Da lì faremo delle valutazioni, che saranno soprattutto tecniche perché non si può agire solo per motivi finanziari”.