La Regina Elisabetta II mette pressione all’Italia per la finale

La Regina Elisabetta sorride
Regina Elisabetta II (Getty Images)

La Regina Elisabetta II ha scritto una lettera per incoraggiare l’Inghilterra allenata da Southgate per la finale di domani sera.

Ormai ci siamo, manca pochissimo alla finale tra Inghilterra ed Italia che si disputerà domani sera a Wembley. Gli azzurri tornano a disputare una finale dopo 9 anni da quella persa contro la Spagna per 4-0, mentre gli inglesi non si giocano un trofeo, tra Mondiale ed Europeo, dal Mondiale del 1966 giocato in casa e poi vinto.

Oggi è stata la giornata delle conferenze stampa di presentazione del match. Mancini ha rilasciato queste dichiarazioni: “L’Inghilterra è forte, ha tanti giocatori bravissimi. Come deve essere l’Italia? Divertente, sicuramente”. La squadra di Southgate è spinta da un intero popolo, convinto d’aver già vinto la finale, avaro di vittorie della propria Nazionale e in serata arrivato il sostegno addirittura della Regina Elisabetta II.

Tutte le news sulla SERIE A e non solo: CLICCA QUI!

Italia in allenamento
Mancini, Verratti, Chiellini, Cristante e Locatelli (Getty Images)

La Regina Elisabetta II ringrazia la nazionale inglese per la finale di domani

La Regina Elisabetta II ha voluto incoraggiare la nazionale inglese con una lettera: “Mr. Gareth Southgate. 55 anni fa sono stata fortunata a consegnare la Coppa del Mondo a Bobby Moore e ho notato quanto per i calciatori, i dirigenti, lo staff raggiungere e vincere la finale della principale competizione di calcio del mondo”.

LEGGI ANCHE >>> La UEFA nega agli inglesi l’ennesimo affronto all’Italia

L’omaggio della Regina alla squadra di Southgate si conclude con l’augurio della vittoria: “Voglio porgervi le mie congratulazioni e della mia famiglia per aver ottenuto la qualificazione alla finale del campionato europeo e vi mando i miei migliori auguri per la partita di domani, con la speranza che la storia  rimembrerà non soltanto il vostro successo ma anche lo spirito, atteggiamento e l’orgoglio che aveve mostrato”: