Inghilterra, “violenza e minacce”: terrore per le famiglie dei giocatori

Tifosi sugli spalti di Wembley
Tifosi a Wembley (Getty Images)

In Inghilterra al termine dell’Europeo perso in finale con l’Italia, le famiglie dei giocatori hanno ricevuto minacce 

E’ pur sempre calcio, e dunque sport, e per questo motivo c’è stupore nel leggere notizie simili. In Inghilterra non hanno preso bene la sconfitta ai rigori nella finale degli Europei contro l’Italia. I tifosi hooligan, nelle ore successive al ko della squadra di Southgate, non hanno terrorizzato solo alcuni italiani di rientro dallo stadio, ma anche gli stessi calciatori dell’Inghilterra, con minacce alle proprie famiglie. Clima teso, di terrore, nel Regno Unito, come raccontato dal ‘Daily Express’ oggi in edicola. Sotto assalto anche Andrea, il figlio di Roberto Mancini.

Tutte le news sulla SERIE A e non solo: CLICCA QUI!

Tifosi inglesi all'esterno di Wembley
Tifosi inglesi a Wembley (Getty Images)

Inghilterra, caos dopo gli Europei

Violenze e minacce per le famiglie dei giocatori, sotto accusa per aver perso contro l’Italia. Non c’è stata sportività da parte degli inglesi per un ko che era da mettere in conto. Nello sport si vince e si perde e quando arriva la sconfitta bisogna solo accettarla. Non lo hanno fatto, gli Hooligan, e neppure molti calciatori, che hanno deciso di non indossare la medaglia d’argento che simboleggiava il secondo posto.

LEGGI ANCHE >>> Belotti, il futuro ora è un rebus: quali piste per il ‘Gallo’?

Gli Hooligan protagonisti in negativo al termine degli Europei. Avevano già fatto il giro del mondo le immagini dei sostenitori inglesi, quelli terribili, senza biglietto, che attendevano gli italiani all’uscita da Wembley per colpirli e ferirli senza pietà. Ora le minacce alle famiglie dei calciatori di Southgate. Epilogo infelice per un Europeo che, invece, andrebbe ricordato solo per il ritorno del pubblico sugli spalti e un trionfo azzurro atteso dal 1968.