“Insigne come Messi”: De Laurentiis ha trovato una soluzione per il rinnovo

Immobile ed Insigne si fanno un selfie con la coppa
Immobile ed Insigne (Getty Images)

Secondo quanto raccolto dal Corriere dello Sport, Insigne e il Napoli potrebbero emulare Messi e il Barcellona.

Il Napoli di Spalletti è in ritiro a Dimaro per preparare la nuova stagione. In giornata, ore 17.30, gli azzurri disputeranno la prima amichevole stagionale contro la Bassa Anaunia. Attorno alla squadra partenopea c’è poco entusiasmo: per i tifosi del Napoli la mancata qualificazione alla Champions, dopo il pareggio contro il Verona, è una ferita ancora troppo cocente.

A causa dei mancati ricavi che porta con sé la partecipazione in Champions, De Laurentiis vuole rientrare nei costi. Il mercato del Napoli è vincolato dalle possibili cessioni di giocatori importanti come Koulibaly e Fabian Ruiz. Altro nodo spinoso per il patron azzurro è il rinnovo di Insigne, anche se in queste ultime ore si sta facendo largo un’ipotesi che potrebbe portare ad un principio d’accordo tra le parti.

Tutte le news sulla SERIE A e non solo: CLICCA QUI!

De Laurentiis con mascherina
De Laurentiis (Getty Images)

Insigne potrebbe percepire un ingaggio più basso, ma con un contratto più lungo

Come riporta il ‘Corriere dello Sport’, tra Insigne e il Napoli ci potrebbe essere un’intesa in ‘stile Messi’, ovvero emulare le modalità dell’accordo tra l’argentino e il Barcellona. Il giocatore dovrebbe percepire un ingaggio più basso, ma con una durata contrattuale più lunga. Insigne punta a guadagnare 5 milioni di euro netti a stagione, ma il Napoli non è disposto ad arrivare a questa cifra.

LEGGI ANCHE >>> Napoli, dalle tribune arriva a Spalletti un ‘aeroplanino’ con polemica

Senza aumento dell’ingaggio, il capitano partenopeo vorrebbe gestire i diritti d’immagine che il Napoli ha fatto sempre molta fatica a cedere. Un accordo potrebbe essere trovato tramite la ‘formula Messi’ che permetterebbe alla società azzurra di spalmare la cifra desiderata dal neo campione d’Europa con l’Italia di Mancini.