“Costa 50mila euro al giorno”: Juve, il ‘colpo’ che fa disperare il Barcellona

L'esultanza dei giocatori del Barcellona
Barcellona 2020-21 (Getty Images)

L’insostenibile situazione economica potrebbe spingere il Barcellona alla cessione di Pjanic e la Juventus attende l’affare, alle sue condizioni. 

La Juventus è instancabilmente a lavoro per il futuro del suo centrocampo, in particolar modo per Manuel Locatelli. Tuttavia, l’attenzione è posta anche su Miralem Pjanic, per il quale si tratterebbe di un ritorno. Il club starà molto attento alle finanze, prima di sferrare il colpo decisivo. Tenere i bilanci in ordine è assolutamente una priorità.

Tutte le news sulla SERIE A e non solo: CLICCA QUI!

Juventus tra Locatelli e Pjanic: il Barcellona può dare la svolta

Pjanic con la maglia del Barcellona
Miralem Pjanic, Barcellona (Getty Images)

I bianconeri possono contare sul sì di Locatelli, fresco campione d’Europa con la Nazionale italiana. C’è però da considerare la trattativa non ancora conclusa col Sassuolo. I neroverdi dovremmo incontrare la società torinese nei prossimi giorni o addirittura nelle prossime ore per l’accordo definitivo. Al momento, l’offerta della Juventus arriva ai 37 milioni di euro ma la formula sarebbe il prestito di due anni con obbligo d’acquisto, la quale non convince troppo il Sassuolo.

LEGGI ANCHE >>> Juve, la notizia che cambierà il mercato ora è ufficiale

Secondo quanto riferisce ‘Tuttosport’, per ciò che riguarda Pjanic, invece, la trattativa potrebbe essere troppo complessa per realizzarla. Tuttavia, il fattore economico può rendere più flessibile il Barcellona: ogni giorno che passa senza cedere il bosniaco diventa un giorno in cui i blaugrana devono pagargli 50.000 euro. Una cifra folle in questo momento per le condizioni di rifondazione economica del Barcellona. La Juventus però ha una posizione molto ferma: se Pjanic accetta di abbassarsi l’attuale ingaggio da 8 milioni di euro netti a stagione e si libera gratis dagli spagnoli, allora l’ipotesi sarà presa in considerazione. E la stessa stuzzica anche l’Inter