Atalanta-Juve, l’asse che ha acceso il mercato: un’altra ufficialità

Gasperini con le mani in tasca
Gian Piero Gasperini (Getty Images)

Un tris di ufficialità nella giornata delle oggi, il tutto nato dall’asse caldo che vede protagonista la Juventus e l’Atalanta.

Il calciomercato è cominciato da qualche settimana, ma al momento sono pochi i colpi davvero degni di nota. I club stanno ancora valutando quali possano essere davvero le operazioni in grado di migliorare le rose, riuscendo allo stesso tempo a preservare le casse. Il fattore economico, soprattutto in questa sessione estiva di calciomercato, è davvero fondamentale. Grandi e piccole hanno necessità di tenere a galla i conti, anche per contrastare le difficoltà economiche legate alla Pandemia.

C’è un asse, però, decisamente caldo che in queste ore ha letteralmente acceso il mercato. Parliamo di quello tra Torino e Bergamo, dove in poche ore sono state ufficializzate diverse operazioni. La Juventus, di fatto, ha ceduto all’Atalanta Demiral, che dunque ha cambiato casacca e resterà in Serie A. Ma non è questa l’unica operazione.

Tutte le news sulla SERIE A e non solo: CLICCA QUI!

Romero in campo
Cristian Romero (Getty Images)

Romero, ritorno a Bergamo e addio: è ufficiale

In giornata è stato anche ratificato il riscatto da parte dell’Atalanta di Cristian Romero. Il difensore argentino, è stato riscattato a titolo definitivo dalla Dea,” per un corrispettivo di € 16 milioni, pagabile in tre esercizi“. Insomma, una minusvalenza di appena 4,8 milioni di euro. Ma il tutto volto ad un’altra operazione, che proprio in questi minuti è stata annunciata.

LEGGI ANCHE >>> Atalanta: Ilicic verso l’addio, il nuovo centrocampista arriverà dalla Serie A

Romero, infatti, è stato ceduto dalla stessa Atalanta al Tottenham. L’ex ds juventino Fabio Paratici, dunque, ha ripreso con sé il 23enne difensore argentino, regalando alla Premier League un prospetto molto interessante. Un giro di ufficialità che ha acceso il mercato in questi giorni, e che ha dato a Gasperini un nuovo difensore, liberando la Juventus di due giocatori che evidentemente non rientravano nel progetto tecnico di Max Allegri.