La folle proposta del Pordenone per Messi: “Cerchiamo la formula giusta”

Messi guarda avanti
Messi (Getty Images)

La serie B scherza sul futuro di Messi: Pordenone e Como pronte a inserirsi sulle sue tracce dopo l’addio al Barcellona avvenuto ieri

La notizia del mancato rinnovo tra Lionel Messi e il Barcellona ha creato un vero e proprio terremoto. L’argentino sembrava ormai in procinto di rinnovare con il club blaugrana ma alla fine le regolamentazioni della Liga non hanno dato abbastanza margine ai culè per presentare l’offerta ritenuta adeguata dalla ‘Pulce’. Per evitare un’offerta insoddisfacente sono ore di riflessione in Serie B. La Lega presieduta da Mauro Balata ha proposto un meme ironico, chiamando in causa Como e Pordenone. La risposta di questi ultimi non si è lasciata attendere.

Tutte le news sulla SERIE A e non solo: CLICCA QUI!

Ironia della Lega B sul futuro di Messi, il Pordenone rincara: “Stiamo cercando la formula giusta”

La società neroverde ha colto la palla al balzo per scherzare sul possibile arrivo di Messi. Riprendendo il precedente tweet proposto dalla Lega B, il Pordenone ha aperto alla possibilità di ingaggiare il campione argentino. I tempi tuttavia non sono ancora maturi. “Stiamo cercando la formula giusta” hanno risposto. L’attesa pertanto è destinata a proseguire. Riuscirà il Pordenone ad organizzarsi in tempi utili per soffiarlo ai top club europei? In maniera particolare dovrà battere la concorrenza del Psg dello sceicco Al-Khelaifi.
Al di là della pura ironia, l’altra squadra chiamata in causa è stata il Como. La formazione lariana in passato ebbe realmente la possibilità di tesserare il giovane Lionel Messi.

LEGGI ANCHE >>> Perché ora l’Inter riflette sulla cessione di Lukaku al Chelsea

Agli inizi degli anni Duemila, Messi sostenne infatti un provino con il Como, prima di accasarsi al Barcellona. Sarebbe potuto essere un grande colpo ma non se ne fece nulla perché alla fine la società in quel momento guidata da Enrico Preziosi optò per non prenderlo. Alcune riflessioni tra cui la necessità di far trasferire la famiglia permettendogli di trovare sistemazione in Italia e il fisico minuto del ragazzino fecero in modo che la storia prendesse tutt’altro corso. Chissà che Lionel non sbarchi ora sul lago di Como con tutta la sua famiglia al seguito… Anche i tifosi del Como possono sognare per qualche altro giorno. In fondo, questo non costa nulla.