Inter, domani è il D-Day: Dzeko a Milano per chiudere, i dettagli

Edin Dzeko sorridente
Edin Dzeko (Getty Images)

Domani è il giorno di Dzeko all’Inter: il bosniaco in nerazzurro prenderà la ‘9’ di Lukaku e farà partire il giro degli attaccanti

Dopo un lungo inseguimento di mercato conclusosi con un nulla di fatto due anni fa, ora è finalmente arrivato il momento di Edin Dzeko all’Inter.

Paradossalmente, non si tratta di una notizia così lieta per i tifosi nerazzurri, che vedono arrivare il bosniaco non per rimpolpare il parco attaccanti, ma come sostituto del calciatore più forte della rosa.

Tutte le news sulla SERIE A e non solo: CLICCA QUI!

Lukaku e Dzeko si abbracciano a fine partita
Lukaku e Dzeko (Getty Images)

Domani è il giorno di Dzeko all’Inter: prenderà la ‘9’ di Lukaku

Sembrava impossibile, solo una decina di giorni fa, che Romelu Lukaku lasciasse la Beneamata. E invece il mercato è spietato, e le difficoltà finanziarie che attanagliano l’Inter (come molti altri club, peraltro) hanno fatto il resto.

Fatto sta che, forse anche per la ‘maledizione dell’addio’ di Dzeko (tre volte vicino a salutare la Roma in passato, tre volte rimasto), la dirigenza nerazzurra ha deciso di rompere gli indugi e far sbarcare subito il bosniaco a Milano.

Come riferiscono infatti tutte le principali testate sportive, domani sarà il giorno di Dzeko all’Inter. Il passaggio del centravanti agli ordini di Simone Inzaghi, in cambio di un piccolo conguaglio ai giallorossi, darà il via a un giro di attaccanti, con Lukaku che potrà firmare con il Chelsea e la Roma che, proprio dai Blues, sta cercando di prendere Tammy Abraham.

LEGGI ANCHE>>> Il sorprendente messaggio di Lapo Elkann per l’Inter: “È da mediocri farlo”

Anche se la punta inglese, sulla quale c’è pure l’Arsenal, si è presa un paio di giorni per decidere se accettare o meno il trasferimento in Italia.

Intanto Dzeko, che dovrebbe prendere proprio la maglia numero 9 di Lukaku, firmerà con l’Inter un biennale da 6 milioni di euro a stagione.

Non dovrebbe essere l’unico attaccante destinato a finire in nerazzurro, con Marotta che monitora sempre Duvan Zapata, Vlahovic, Correa e, forse, anche qualche altro nome a sorpresa.