Niente perdono per Lukaku: il nuovo gesto dei tifosi dell’Inter

Lukaku Inter
Romelu Lukaku (Getty Images)

L’addio di Romelu Lukaku ha colpito duramente l’intero mondo dell’Inter: i tifosi non hanno digerito la decisione del belga.

I tifosi dell’Inter sono rimasti feriti per la partenza di Romelu Lukaku e soprattutto per le modalità con cui questa è avvenuta. Dopo aver dichiarato più e più volte il proprio amore all’Inter e di non avere intenzione di lasciare il club, il belga alla fine e quasi all’improvviso ha deciso di non rinunciare all’offerta ricevuta dal Chelsea.

La reazione di tifosi, pero, non si è fatta attendere e nel corso delle ultime ore è apparsa una scritta carica di rabbia anche sul murales che raffigura il testa a testa tra l’ex attaccante nerazzurro e Ibrahimovic. Sono infatti state scritte due parole che definiscono Lukaku: ‘traditore e ‘venduto’.

Tutte le news sulla SERIE A e non solo: CLICCA QUI!

L’addio di Lukaku e la rabbia dei tifosi dell’Inter.

I tifosi nerazzurri non hanno accettato le scelte di Lukaku, che si era autoproclamato ‘Re di Milano’ ma che poi ha preferito seguire la strada che l’ha (ri)portato in Premier League. Il Chelsea è il suo nuovo club e gli interisti non mancano di sottolineare tutta lo loro disapprovazione riguardo una scelta che invece l’attaccante belga ha definito: “Spero che capiate la mia decisione di passare al Chelsea. È l’occasione della vita per me e penso che in questo momento della mia carriera sia l’occasione che ho sempre sognato“.

LEGGI ANCHE >>> E’ ancora Italia-Inghilterra, il coro che sta spopolando in Premier

È arrivato solo nella giornata di ieri il saluto di Lukaku a quel mondo che per due anni consecutivi l’ha sostenuto e gli ha aperto le porte del proprio cuore. Diventato un leader, qualsiasi tifoso dell’Inter, infatti, sperava che ogni offerta sarebbe stata respinta pur di restare a Milano. Eppure così non è stato e la rabbia ora si fa sentire. Forse ci vorranno giorni per farla passare. Il passo da ‘Re’ a ‘traditore’ è stato brevissimo.