“Sì, rinnovo”: la delusione lo ‘costringe’ a rimandare l’addio

Palacio e Barrow combattono con De Ligt
Bologna-Juventus (Getty Images)

Walter Sabatini, coordinatore dell’area tecnica del Bologna, sembrava in bilico e, invece, ha garantito la sua permanenza nel club emiliano.

Sabatini ha prolungato di un altro anno, fino al 2022, il contratto in scadenza a fine agosto. Nella sua carriera ci sono tante intuizioni e soddisfazioni, con varie esperienze alla Lazio, al Palermo, alla Roma e all’Inter.

È stata paradossalmente la rocambolesca e cocente sconfitta contro la Ternana in Coppa Italia a cancellare i dubbi di Sabatini. “Nelle scorse settimane ho avuto dubbi se restare o meno, perchè io voglio rimanere in un posto solo se sono utile. Dopo questa sconfitta non ho più dubbi: davanti a certe situazioni si combatte, non si scappa. Aver perso già il primo obiettivo è una cosa che ci turba e rinnovo le scuse a tutti”.

Tutte le news sulla SERIE A e non solo: CLICCA QUI!

Tomiyasu porta palla
Tomiyasu (Getty Images)

Sabatini blinda Tomiyasu: “Non è arrivata l’offerta importantissima”

Tomiyasu è un difensore che ha mercato, a gennaio lo voleva il Milan, in questa sessione si è fatta avanti prima l’Atalanta in maniera poco convincente, del resto ha virato prima su Lovato e poi su Demiral.

Lo scenario più suggestivo riguarda il Tottenham che sta facendo il restyling della difesa lavorando anche su Pau Torres del Villarreal, che sembra, però, orientato ad aspettare il Real Madrid.

LEGGI ANCHE>>> Il Bologna annuncia il super colpo con un video horror: “Attenzione”

La sconfitta per 5-4 contro la Ternana ha inciso sull’umore di Sabatini e in generale del Bologna: “Dobbiamo imparare a difendere e non a far finta di difendere. Più che al mercato dobbiamo pensare alla mentalità. Se ci sarà poi l’opportunità d’integrare la difesa lo faremo, ora si fa fatica poichè abbiamo investito molto”.

Dipende proprio da Tomiyasu, la sua cessione porterebbe introiti da reinvestire. Il Bologna chiede 25 milioni per il difensore giapponese. “Siamo stati disponibili ad ascoltare un’offerta che non è ancora arrivata: dev’essere importantissima. Per ora è un nostro giocatore, poi vedremo nei prossimi dieci giorni”, ha spiegato Sabatini dopo il ko in Coppa Italia contro la Ternana che non ha ancora metabolizzato.