“Non un problema da poco”: il Milan rivive l’incubo di giugno

Paolo Maldini
Maldini (Getty Images)

Milan grande protagonista nel mercato appena chiuso, ma ora per Maldini e Massara c’è subito un problema non da poco da affrontare

Milan regina del mercato. E’ unanime il giudizio positivo sulle mosse di Maldini e Massara nella sessione estiva. Partiti con gli addii pesanti e gratuiti di Donnarumma e Calhanoglu, i rossoneri sono riusciti a rifarsi con acquisti intelligenti, non troppo costosi e che – al momento- paiono indovinati. La partenza della squadra di Pioli è stata positiva con due vittorie agevoli ora però il tecnico dovrà fare in modo di non ripetere gli errori dello scorso anno.

Una cavalcata trionfale o quasi fino a dicembre poi il crollo che ha messo a rischio anche la qualificazione in Champions League. Questo toccherà a Pioli, mentre la società dovrà evitare che si ripetano i casi Donnarumma e Calhanoglu e qualche avvisaglia già c’è.

Tutte le news sulla SERIE A e non solo: CLICCA QUI!

Kessie e Ibrahimovic
Kessie e Ibrahimovic (Getty Images)

Milan, problema Kessie: il rinnovo non arriva

Il riferimento è a Franck Kessie, in scadenza nel 2022. Dopo le parole dalle Olimpiadi dell’ivoriano, la trattativa per il nuovo contratto si è arenata davanti alle richieste del calciatore: un ingaggio da 7 milioni di euro che non si allinea al tetto degli stipendi in vigore a Milanello.

LEGGI ANCHE >>> Milan, Pioli e le nuove novità offensive con l’arrivo di Messias

Così la ‘Gazzetta dello Sport’ scrive nelle pagelle relative al mercato appena chiuso che “c’è grande attenzione alle spese, anche agli ingaggi”. Così “pure il rinnovo di Kessie ora è in forse e non è un problema da poco”. L’ivoriano rappresenta una colonna portante della squadra di Pioli e, forse più di Donnarumma e Calhanoglu, sostituirlo non sarebbe un affare molto semplice.