Milan, ti avevano avvisato: non è il treno che cercavi

Florenzi Italia
Florenzi (Getty Images)

Bocciato Florenzi da tutti i quotidiani dopo la Bulgaria: nasce il dubbio se per il Milan sia stato l’acquisto giusto

Per adattare un vecchio adagio ad un topos del calcio accosta spesso i terzini a quelle locomotive che vanno su e giù, si potrebbe dire, nel caso del Milan e di Florenzi: pensavi fossi un treno ed invece era un calesse. Ovviamente, è una sciocca battuta che, però, serve ad aprire uno spaccato sul tema del rendimento di Alessandro Florenzi. Tutti i principali quotidiani hanno bocciato la sua prestazione contro la Bulgaria. Schierato al posto di Giovanni Di Lorenzo, il neo terzino rossonero è stato, giustamente, ritenuto profondamente colpevole in occasione del gol di Iliev. C’era un buco dalle sue parti da cui è nato l’assist vincente di Despodov. Inoltre, neppure la fase di spinta è stata ritenuta all’altezza di un terzino con le qualità e le caratteristiche di Florenzi.
Tutte le news sulla SERIE A e non solo: CLICCA QUI!
Maldini e Massara
Maldini e Massara (Getty Images)

Quando duttilità non significa qualità

Il Milan ha completato l’operazione Florenzi cercando di garantire a Stefano Pioli un giocatore duttile che potesse esprimersi su entrambe le corsie, in particolare quella di destra e dare sicuro affidamento vista l’esperienza e la qualità mostrata negli anni romani. È proprio dalla capitale, però, che sono arrivate le principali critiche al rendimento di Florenzi, attaccato a più riprese per l’incapacità di tirar fuori performance all’altezza di quelli che erano stati gli inizi della sua carriera. Aggiungi anche qualche incomprensione ambientale, ed i prestiti al Valencia prima ed al PSG poi hanno allontanato, dopo tante polemiche, Florenzi della Roma.
Immediatamente messo fuori dai piani da José Mourinho, il terzino si è accasato al Milan, anche con una certa soddisfazione dell’ambiente rossonero. Resta da capire se il mancato riscatto di Florenzi da parte di Valencia e PSG è stato solo dovuto a determinate contingenze, oppure è stato un segnale non raccolto dal Milan, amplificato dall’ultima prestazione in Nazionale.