“Non può correre, out un mese”: l’annuncio in conferenza spaventa i tifosi

Vlahovic e Belotti al termine di Fiorentina-Torino
Vlahovic e Belotti, Fiorentina-Torino (Getty Images)

Stop per Andrea Belotti. Il calciatore del Torino non sarà a disposizione per circa un mese, a causa d’infortunio. Lo fa sapere il tecnico Ivan Juric.

Ivan Juric, allenatore del Torino, è intervenuto in conferenza stampa per presentare la sfida di campionato contro la Salernitana, in programma domenica alle 15:00. Non è tutto roseo per la formazione granata, la quale dovrà fare i conti con l’assenza del calciatore più importante della rosa, ovvero Andrea Belotti.

Tutte le news sulla SERIE A e non solo: CLICCA QUI!

Torino, infortunio Belotti: l’annuncio di Juric sui tempi di recupero

Belotti durante Fiorentina-Torino
Andrea Belotti, Torino (Getty Images)

Il tecnico croato ha risposto a una domanda relativa al rinnovo del calciatore e ha anche rilasciato alcune dichiarazioni sulle sue condizioni: “Il contratto non lo condiziona, ma sì lo condiziona lo stato fisico. Ancora non riesce a correre, per cui non lo avremo a disposizione per le prossime 3-4 partite. Non riesce a correre e quindi ad allenarsi, ma lui è molto carico e ha molta voglia di ricominciare per questo è molto dispiaciuto di non poter dare il suo contributo. Non vedo il problema del rinnovo perché è molto sereno”.

LEGGI ANCHE >>> Il ‘colpo’ più atteso del Napoli può arrivare “tra 15 giorni”

Il calciatore è fermo a causa di una botta al perone, rimediata in occasione del match contro la Fiorentina per uno scontro con il difensore Martinez Quarta, prima della pausa per le Nazionali. L’infortunio è parso più delicato del previsto e, mentre si attende il rientro in campo, tiene ancora banco la questione rinnovo. Belotti, infatti, al momento non ha ancora accettato la proposta più volte rivista dal club durante l’estate. Il contratto attuale scadrà nel 2022, ma l’attaccante non pare convincersi per colpa della clausola rescissoria. Il Torino vorrebbe tutelarsi apponendone una da 40 milioni, mentre il giocatore e il suo entourage insistono per non andare oltre i 25 e si continua a lavorare per ridurre le distanze.