Ancora brutte notizie per la Lazio: Sarri sarà furioso

Maurizio Sarri che urla in panchina
Maurizio Sarri (Getty Images)

Arriva la sentenza della Corte d’Appello Federale sul ricorso della Lazio, dopo le due giornate di squalifica a Maurizio Sarri

Costretto ad assistere dalla tribuna al 2-2 della sua Lazio contro il Cagliari, Maurizio Sarri continuerà a non presenziare sulla panchina dei biancocelesti. Almeno fino al Derby del prossimo weekend. Questa è stata la sentenza della Corte d’Appello Federale, che ha respinto il ricorso del club capitolino, volenteroso di ridurre ad una sola le giornate di squalifica inflitte al tecnico toscano.

Quest’ultimo era stato punito con due giornate di squalifica, in seguito ad una frase blasfema pronunciata nel corso di Milan-Lazio. Una frase che il Giudice Sportivo (come da regolamento) ha punito con un fermo di almeno due turni. Tuttavia, la Lazio confidava in uno sconto della pena in sede d’appello, ma per Sarri non c’è stato nulla da fare.

Tutte le news sulla SERIE A e non solo: CLICCA QUI!

Maurizio Sarri in tribuna
Maurizio Sarri (Getty Images)

LEGGI ANCHE >>> La Juve soffre e Pirlo può ‘vendicarsi’ con una big a sorpresa

Sarri, respinto il ricorso della Lazio: la sentenza della Corte d’Appello

Niente Torino-Lazio, dunque, per il tecnico di Figline. Sarri sarà costretto a seguire dalla tribuna anche il match di giovedì pomeriggio e attendere il proprio ritorno in panchina per il Derby contro la Roma di José Mourinho. Una decisione che di sicuro provocherà la reazione furiosa dell’allenatore, che già durante la conferenza stampa pre Europa League aveva mostrato tutto il suo dissenso. Di seguito, la sentenza emanata dalla Corte d’Appello della FIGC: “La Prima Sezione della Corte Sportiva D’Appello Nazionale presieduta da Carmine Volpe ha respinto il reclamo della Lazio avverso la sanzione della squalifica per 2 giornate inflitta dal Giudice Sportivo a Maurizio Sarri dopo l’espulsione rimediata in occasione di Milan-Lazio”.