Il messaggio di Allegri a Rabiot può cambiare tutto: i dettagli

Allegri osserva la sua Juventus dalla panchina
Massimiliano Allegri (Getty Images)

Allegri punge Rabiot dopo il successo contro lo Spezia, aspetto che potrebbe ribaltare anche l’assetto tattico della Juventus in vista delle prossime gare. Il tecnico bianconero valuterà anche una nuova alternativa tattica

Cattiveria agonista, più determinazione nell’andare al tiro e inserimenti più costanti in zona gol: questo quello che chiede e chiederà Allegri a Rabiot per tutto il corso del campionato. Il tecnico della Juventus, nel posto partita di Spezia-Juventus, ha colto l’occasione per evidenziare alcuni aspetti dell’interpretazione tattica del ruolo di esterno sinistro da parte del centrocampista francese.

“Ci sarà da migliorare tanto”. Così ha sentenziato Allegri. Con il passaggio di Chiesa sulla fascia sinistra, la Juventus ha praticamente ribaltato la partita, creando scompiglio, superiorità numerica e uno contro uno a dir poco devastanti. Non è un caso che le occasioni da gol siano nate proprio con il passaggio dell’ex Fiorentina sulla sinistra. Questa nuova variazione tattica potrebbe escludere Rabiot dai titolari qualora Allegri dovesse trovare il giusto equilibrio con Cuadrado e Chiesa contemporaneamente.

Tutte le news sulla SERIE A e non solo: CLICCA QUI!

Rabiot in azione durante Spezia-Juventus

Allegri punzecchia Rabiot: il francese può rischiare il posto da titolare

Sarà difficile, almeno in questa fase, che Allegri decida di privarsi della forza fisica di Rabiot. Il francese potrebbe traslocare in mezzo al campo in coppia con Locatelli, lasciando posto a Chiesa sulla sinistra.

LEGGI ANCHE >>> “Ti amo Hakimi”: doppietta sensazionale per l’ex Inter col PSG, sorte diversa per Donnarumma

Massima attenzione, però, al ballottaggio con Bentancur e al prossimo ritorno di Arthur, il quale si candiderà a una maglia da titolare al fianco di Locatelli nell’atipico 4-4-2 di Allegri. Rabiot avrà tempo e modo di rispondere presente alle sollecitazioni di Allegri, ma il tempo delle attese infinite potrebbe scadere anche per lui.