Donnarumma sempre più in crisi: spunta un altro problema

Donnarumma triste
Donnarumma (Getty Images)

A Parigi, Donnarumma è sempre più solo e triste, finora ha giocato soltanto due gare e rischia di perdere pure la titolarità con l’Italia

La tappa francese di Gigio Donnarumma non è cominciata secondo le aspettative. Il portiere italiano ha messo piede in campo soltanto in due occasioni, per il resto è sempre rimasto alle spalle di Keylor Navas che secondo quanto riferito dal ‘Corriere della Sera’ avrebbe anche il sostegno del clan sudamericano. In questo clima, Donnarumma dovrà tentare di prendersi il posto. Il rischio serio è che la prolungata astinenza possa fargli perdere certezze e sicurezza. La percentuale di partite giocate dall’ex Milan potrebbe infatti rimanere molto bassa. A quel punto ci si chiede cosa succederà in Nazionale.

Tutte le news sulla SERIE A e non solo: CLICCA QUI!

Mancini basito
Mancini (Getty Images)

Donnarumma non gioca al Psg: rischia di perdere il posto da titolare pure con l’Italia di Roberto Mancini

La scelta di lasciare i Navigli e il Milan dopo una lunga militanza al momento non ha avuto risvolti positivi per il portiere di Castellammare di Stabio. Le luci parigine per lui non sono così belle come sembravano da lontano. Donnarumma deve trovare uno sbocco a questa situazione che è appena cominciata ma rischia seriamente di esasperarlo.
Senza campo, il portiere corre anche il rischio della mancata titolarità in Nazionale, con cui ha sempre fornito buone prestazioni. Mancini ci penserà.
Questo è infatti l’incertezza che chiama in causa il ‘Corriere dello Sport’. Quello del portiere è un ruolo estremamente delicato e non giocare per un lungo periodo può avere effetti traumatici in termini di concentrazione, fiducia e posizionamento.
Inoltre, come scrivere ancora il quotidiano romano nell’edizione di oggi, la speranza di un futuro immediato alla Juventus per il portiere è costretto a fare i conti con il bilancio non in ordine dei bianconeri. A Parigi, Donnarumma è al momento triste e senza amici.

LEGGI ANCHE >>> “Mi sembra una follia”: Donnarumma sempre più un caso

L’altra questione aperta dal ‘Corriere dello Sport’ nell’editoriale di Franco Ordine, è il capriccio di Raiola al Milan. Secondo la testata romana sarebbe stata soltanto la ricerca di una rivincita da parte del superagente poiché al momento del precedente rinnovo tra Donnarumma e i rossoneri per lui non vi sono stati commissioni.