Razzismo a Firenze: vergognosi insulti a Koulibaly, il difensore reagisce

Koulibaly abbraccia Osimhen
Koulibaly (Getty Images)

Episodio vergognoso all’Artemio Franchi di Firenze: dopo Fiorentina-Napoli, Koulibaly risponde così ai cori razzisti

Il Napoli non si ferma più e archivia anche la pratica Fiorentina, per la settima vittoria consecutiva degli azzurri guidati da Luciano Spalletti. Una vittoria che ha messo in evidenza, ancora una volta, il potenziale e la consapevolezza della formazione campana, vogliosa di dire la sua in questo campionato, dopo una stagione di alti e bassi.

Dopo lo spettacolo dei novanta minuti, però, Fiorentina-Napoli è stata macchiata dal comportamento di alcuni tifosi della viola. Un comportamento vergognoso, che ha visto quest’ultimi rivolgere cori e ululati razzisti nei confronti dei tre giocatori africani del Napoli: Koulibaly, Osimhen Anguissa.

Tutte le news sulla SERIE A e non solo: CLICCA QUI!

Osimhen arrabbiato
Osimhen (Getty Images)

LEGGI ANCHE >>> Roma-Empoli, tegola pesante: l’attaccante lascia il campo

Cori razzisti per Osimhen, Koulibaly e Anguissa: la risposta del centrale azzurro

Come raccontato anche dal bordocampista di DAZN, Alessio De Giuseppe, i tre azzurri sono stati presi di mira da una parte del tifo fiorentino. Osimhen ha risposto con il sorriso ai cori e agli ululati razzisti piovuti dagli spalti, così come il compagno Anguissa.

Koulibaly, invece, ha provato ad affrontare uno degli interessati. Dopo aver udito le parole: “Sei una scimmia!”, il difensore azzurro ha invitato più volte il presunto tifoso a scendere in campo e a dirglielo di persona e di affrontarlo in carne ed ossa. Il difensore è stato poi interrogato, a riguardo, dalla Procura Federale, al quale ha raccontato nel dettaglio l’accaduto.

Un bruttissimo episodio per la Fiorentina, da sempre società attenta e impegnata nella lotta al razzismo. Dopo i cori contro la città di Napoli, anche quelli a sfondo razziale cozzano con lo spettacolo in campo che hanno offerto le formazioni di Italiano e Spalletti.