La parabola di Manuel Rui Costa: eletto presidente a furor di popolo

Rui Costa serio
Manuel Rui Costa (Getty Images)

L’ex campione di Fiorentina e Milan Manuel Rui Costa è stato eletto nuovo presidente del Benfica: ha ricevuto più dell’84% delle preferenze

Manuel Rui Costa vincola se possibile in maniera ancora più stretta il suo nome a quello del Benfica. L’ex calciatore portoghese è stato nominato presidente della formazione di Lisbona al termine delle elezioni del club. La vecchia conoscenza del calcio italiano, in maniera particolare di Fiorentina e Milan, dopo essere già stato calciatore e direttore sportivo del ‘Glorioso’.

Tutte le news sulla SERIE A e non solo: CLICCA QUI!

Rui Costa nella gara d'addio al calcio di Andrea Pirlo
Rui Costa (Getty Images)

Benfica, Manuel Rui Costa è il nuovo presidente: plebiscito di preferenze, resterà in carica fino al 2025

La notizia di Manuel Rui Costa nuovo presidente è stata confermata dal club attraverso i propri canali social. L’ex centrocampista sarà il 34esimo presidente delle ‘Aquile’. Resterà in carica nel quadriennio che va dal 2021 al 2025.

Due le liste che si sono sfidate per la carica di presidente. Manuel Rui Costa ha ottenuto l’84,48% dei voti. Un vero e proprio plebiscito di preferenze per l’ex Milan e Fiorentina, tra i calciatori di maggiore talento della sua generazione. Il rivale, Francisco Benitez, ha ottenuto appena il 12,24% delle preferenze. Lo 0.56% dei voti è stato considerato nullo durante lo sfoglio mentre il 2,72% ha consegnato la scheda in bianco.
Nel suo discorso di presentazione come presidente, Manuel Rui Costa – che in precedenza era il vicepresidente del club – ha detto: “Il grande vincitore delle elezioni è il Benfica e la nostra priorità assoluta è vincere”. Succede a Luis Filipe Vieira.

LEGGI ANCHE >>> L’Inter dimentica la crisi: non bada a spese per Lautaro e i sudamericani

Rui Costa è arrivato in Italia nell’estate del 1994. Quell’anno lo tesserò la Fiorentina, una delle allora “sette sorelle” che si contendevano lo scudetto. In viola, il campione lusitano è rimasto fino al 2001 quando è stato acquistato dal Milan. In rossonero ha poi proseguito la sua carriera fino al 2006, anno del ritorno nel suo amato Benfica, club nel quale si era formato come calciatore. Si è ritirato nel 2008. Del ‘Glorioso’ ha indossato pure i panni di direttore sportivo dal 2008 al 2011.