“Questa storia deve finire”: Gasperini ‘sbotta’ in conferenza

Atalanta-Venezia, Gasperini in panchina
Gian Piero Gasperini (Getty Images)

Gasperini è intervenuto in conferenza stampa per parlare di Empoli-Atalanta prevista per domani: ecco le dichiarazioni su Koopmeiners.

Gian Piero Gasperini è intervenuto in conferenza stampa per parlare della sfida di Empoli-Atalanta prevista per domani. Alle ore 15:00, infatti, i nerazzurri affronteranno gli avversarsi allo Stadio Carlo Castellani e l’allenatore ha voluto perciò parlare dell’importanza ma anche della difficoltà del match che li attende. Non ha però rilasciato dichiarazioni soltanto riguardanti la sfida. Più nello specifico, ha parlato anche dell’attuale situazione di Teun Koopmeiners. Non si è mostrato, però, particolarmente felice della domanda che gli è stata nuovamente posta in merito al giocatore.

Tutte le news sulla SERIE A e non solo: CLICCA QUI!

Koopmeiners Atalanta
Teun Koopmeiners (Getty Images)

Le dichiarazioni di Gasperini sulla situazione legata a Koopmeiners

Così quindi è intervenuto il tecnico della Dea in conferenza stampa sul giocatore: “Questa storia di Koopmeiners deve un po’ finire. È da quando arrivato che non fate altro che chiedermi di lui. Sta giocando come tutti gli altri, bene o male sta giocando sempre. È arrivato nell’ultimo giorno di mercato, non era la priorità assoluta in quel reparto. Avevo De Roon e Freuler, la necessità era trovare giocatori in altri reparti”.

LEGGI ANCHE >>> Klopp da appalusi: il gesto da signore nei confronti di Ranieri

È arrivato Koopmeiners – ha continuato Gasperini – cerchiamo di adattarci con quello che abbiamo. Ci sono tanti giocatori che giocano, ma non mi chiedete mai di loro. Questa è una situazione un po’ pesante che viene creata sistematicamente da inizio stagione”.

LEGGI ANCHE >>> DIRETTA Spezia-Salernitana: segui la partita LIVE

Ha inoltre parlato anche delle condizioni di Lovato: “Si sta inserendo. In questo momento, se giocano altri, vuol dire che altri sono più pronti. È sempre lo stesso discorso: quando un allenatore manda in campo alcuni giocatori è perché sa che sono pronti“.