Il Milan e il colpo di mercato: “Mi telefonarono a maggio”, c’è il retroscena

Milan esulta
Milan (Getty Images)

Il Milan, il calciomercato e il colpo per il dopo-Calhanoglu. Arriva il retroscena dall’allenatore: “Per lui mi telefonarono a maggio”

Primo posto in classifica, a pari punti con il Napoli da record di Luciano Spalletti. Stefano Pioli non poteva ricevere una conferma migliore dal suo Milan, soprattutto dopo un’estate fatta di tanti addii dolorosi. Quello di Donnarumma, certo, ma anche quello di Hakan Calhanoglu (entrambi a parametro zero). La partenza del turco è stata rimpiazzata con la conferma (e la promozione) di Brahim Diaz e dall’arrivo del brasiliano Junior Messias.

L’ex Crotone, lo scorso, anno è stata una delle grandi sorprese del campionato, con una stagione da 9 reti e 4 assist in 36 presenze. Numeri che hanno sorpreso tutti, proprio come la sua stessa storia personale, e che hanno conquistato il Milan di Maldini e Massara, che adesso lo attendono in campo, dopo i tanti infortuni che lo stanno tenendo fuori dalle rotazioni di Pioli (solo una presenza in stagione, per lui).

Tutte le news sulla SERIE A e non solo: CLICCA QUI!

Junior Messias in campo
Junior Messias (Getty Images)

LEGGI ANCHE >>> “Sì, giocherò!”: arriva la confessione del big che fa ben sperare l’Inter

Junior Messias, il Milan e il retroscena di Cosmi: “Per lui mi telefonarono a maggio”

D’altronde, il Milan continua a credere fortemente in Junior Messias. E la stima dei rossoneri verso il brasiliano è datata da maggio del 2021, seppur il trasferimento sia stato concluso allo calare di agosto. “Per lui mi telefonarono a maggio, quando c’era già un interessamento del Milan – questo il retroscena di Serse Cosmi, ex allenatore del Crotone, ai microfoni di ‘Sky Sport’, che spiega – Junior è un giocatore straordinario, ha tutto per poter giocare con i rossoneri. Peccato per gli infortuni, in questo momento caratterizzato dalle tante assenze, avrebbe messo in mostra le sue qualità. Resto fiducioso, però: il campionato è ancora lungo”.