Roma, Spalletti: “Dimentichiamo il Porto. Totti non ci sarà”

spallettiROMA SPALLETTI – Per la Roma è tempo di rituffarsi in campionato dopo la batosta rimediata contro il Porto che ha portata l’eliminazione dei giallorossi dalla Champions League: una brutta botta per i capitolini, che speravano nella qualificazione anche per aumentare gli introiti in stagione.

Ora però è tempo ritornare a pensare al campionato e dare seguito alla vittoria sull’Udinese: per la squadra di Luciano Spalletti c’è il test Cagliari, neo-promosso in Serie A, e alla prima partita davanti al proprio pubblico.

Lo stesso tecnico toscano ha affrontato vari temi in conferenza stampa, ritornando sopratutto sulla partita di mercoledì contro i portoghesi, ma ha iniziato subito confermando l’assenza di Totti tra i convocati:

“Ha un problema alla caviglia sinistra e non sarà convocato, al pari di Torosidis. E c’è da valutare Juan Jesus per una botta presa in allenamento, dopo la quale è stato visitato in ospedale. Oggi si allena a parte, ma poi bisogna capire se sarà ok per Cagliari”.

Ovviamente il tema-Porto è sempre più vivo e Spalletti non nasconde la tanta delusione per l’eliminazione, ma spiega che c’è bisogno di guardare avanti e dimenticare in fretta tutto:

“Nel calcio conta vincere e trovare nuovi obiettivi per le vittorie. Sappiamo cosa può determinare i risultati, questo è uno di cui bisogna far tesoro. Ci porteremo dietro qualcosa, ma poi va dimenticato e c’è da guardare oltre. E’ una sconfitta importante, ma poi si volta pagina”.

Nessuna anticipazione di formazione da parte del tecnico ex-Zenit, che però non vuole ancora sbilanciarsi sulla difesa a 3, provato poco fino ad ora:

“Quando hai una rosa con diversi buoni calciatori le ipotesi vanno considerate. Alla difesa a 3 ci abbiamo lavorato ma non c’è l’imminenza di doverla usare, mancando Totti domani Ricci rientrerà nel ‘giochino’ dei doppi ruoli. Dzeko a riposo? Non ha fatto male in queste gare, vedremo”.

Chiusura su De Rossi, tra i protagonisti, in negativo, della sfida contro il Porto, a causa di un’espulsione per un fallo violentissimo nei confronti di Maxi Pereira:

“Daniele sta bene, è in buona condizione come ci aspettavamo. Lui è il primo ad essere dispiaciuto, sa quello che è successo, per cui quando ci tieni tanto alla Roma è uno che si prende un carico maggiore per ciò che è stato e che vuole essere. Gli è successo di essere espulso, dobbiamo pagarne le conseguenze ma bisogna andare avanti. Può succedere, noi ci teniamo stretto De Rossi”.